I parlamentari dell’UE sono preoccupati del clima politico che si sta creando in Zambia

Pubblicato il 21 maggio 2017 alle 6:00 in Africa Zambia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

I deputati del parlamento europeo hanno discusso sulla situazione politica in Zambia e hanno chiesto al governo di affrontare i problemi del paese per evitare la violenza politica.

In una risoluzione presentata al parlamento la scorsa settimana i deputati si dicono preoccupati per l’arresto del leader dell’opposizione, Hakainde Hichilema, che è stato successivamente accusato di tradimento per aver interrotto il corteo dell’attuale presidente, Edgar Lungu. ”Il parlamento esprime preoccupazione per l’arresto del leader del partito d’opposizione, Hakainde Hichilema, che ha provocato un’ondata di proteste nel paese”, hanno dichiarato in un comunicato stampa i parlamentari. Secondo loro, gli atti di repressione contro l’opposizione politica dopo le elezioni avvenute nel 2016 sono aumentati e il processo a Hichilema ha inasprito ancora di più la tensione politica nel paese.

Invitano quindi il governo ad “applicare la legge in modo equo e ad avviare un processo corretto”, ribadendo la loro richiesta che il governo zambiano garantisca la piena libertà dei media e prenda misure per prevenire la violenza politica.

Il leader dell’United Party for National Development (UPND) è stato arrestato in aprile e accusato di tradimento, disobbedendo agli ordini e usando un linguaggio offensivo. Il presidente Lungu e il governo sostengono che il processo non è politico.

Lungu ha battuto Hichilema nei sondaggi presidenziali tenuti lo scorso anno. L’opposizione ha citato irregolarità di massa ed è andato in tribunale, ma il caso non è stato discusso per un cavillo. Tale azione ha portato alle proteste da parte dei sostenitori del partito di opposizione.

Le elezioni generali in Zambia si sono tenute l’11 agosto 2016 al fine di eleggere il presidente e l’assemblea nazionale. Edgar Lungu è stato rieletto ricevendo il 50.35 per cento dei voti. Il suo partito era il Fronte Patriottico (PF) e ha ottenuto 89 seggi su 166 all’assemblea nazionale. Esso è stato fondato nel 2011 e ha un impronta social democratica. All’opposizione invece abbiamo un partito liberale, l’UPND, fondato nel 1998, che ha ottenuto 58 seggi su 166 all’assemblea nazionale.

Hakainde Hichilema, leader del partito d'opposizione l'United Party for National Development in Zambia. Fonte: Wikimedia Commons

Hakainde Hichilema, leader del partito d’opposizione l’United Party for National Development in Zambia. Fonte: Wikimedia Commons

di Redazione

Articoli correlati

Africa Egitto

Egitto: Al-Sisi incontra Netanyahu e Abbas

Il presidente egiziano, Abdel Fattah Al-Sisi, ha incontrato il Primo Ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, e il presidente palestinese, Mahmoud Abbas, in due incontri separati a New York per discutere i modi per rilanciare il processo di pace in Medio Oriente

Europa Libia

Operazione Sophia: 83 ufficiali della marina libica giunti in Italia

83 ufficiali della Guardia Costiera libica sono giunti in Italia per ricevere un corso di addestramento nell’ambito dell’EUNAVFOR Med Operazione Sophia

Africa Nigeria

Doppio attacco suicida nel nord-est della Nigeria: almeno 15 morti

Due donne si sono fatte esplodere nel villaggio di Mashalari, nell’area di Kodunga, a circa 40 chilometri da Maiduguri, uccidendo almeno 15 persone e ferendone altre 43

Burundi Congo

REP. DEM. DEL CONGO: UCCISI 36 RIFUGIATI DEL BURUNDI

Le forze di sicurezza della Repubblica Democratica del Congo hanno ucciso almeno 36 rifugiati del Burundi, mentre altri 100 sono rimasti feriti, nel corso di scontri emersi intorno alla questione del loro rimpatrio

Approfondimenti Ciad

IL CIAD E IL TERRORISMO

Secondo quanto riportato dal governo americano, nel 2016, il Ciad ha intensificato i propri sforzi per migliorare le operazioni anti-terrorismo ma, a causa del peggioramento della crisi finanziaria, le autorità ciadiane hanno riscontrato grosse difficoltà, persino nei pagamenti dei salari alla polizia e ai soldati

Africa Repubblica Centrafricana

REPUBBLICA CENTRAFICANA: TENSIONI SEMPRE PIU’ GRAVI

Almeno 25 persone sono state uccise in una serie di scontri tra diversi gruppi armati nel corso di questa settimana, in seguito all’aumento delle tensioni nella Repubblica Centrafricana.


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.