Il presidente del Mali intende portare avanti la battaglia contro i “gruppi terroristici”

Pubblicato il 20 maggio 2017 alle 6:03 in Africa Mali

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Ibrahim Boubacar Keita, presidente del Mali, elogia il ruolo fondamentale delle truppe francesi nel voler riportare la pace nel paese.

Nonostante lo sforzo delle truppe francesi per aiutare il territorio a iniziare i colloqui di pace, il Mali è ancora in una situazione di disordine politico e lotte etniche. Sono circa 11.000 i soldati inviati dalle Nazioni Unite per porre fine agli scontri.

Keita ha spiegato ad Al Jazeera che continuerà a combattere poiché questi gruppi non hanno intenzione di fermare i propri attacchi. Tuttavia, ha dichiarato di essere disposto a “stendere la mano dell’amicizia” nel tentativo di ottenere la pace e la prosperità per il suo popolo. “Mentre stiamo cercando di avere dei colloqui di pace, loro continuano a condurre attacchi contro di noi“, ha detto Keita.

Keita, presidente del Mali dal 2013, ha dichiarato di voler candidarsi per un secondo mandato nel 2018.

Nell’aprile del 2012, il Movimento Nazionale per la Liberazione di Azawad (NMLA), un gruppo armato nomade, ha preso il controllo di un’area territoriale più grande della Francia prima di essere rovesciata da alcuni gruppi legati ad al-Qaeda, i quali hanno subito imposto una rigorosa interpretazione della legge islamica nei confronti della popolazione del luogo.

Inoltre, il presidente del Mali ha fatto sapere che non ci sono truppe statunitensi nel paese ma che comunque il suo governo sta collaborando con le forze armate statunitensi e sta condividendo informazioni con la loro intelligence. “Gli eserciti maliani e quelli americani ogni tanto effettuano delle esercitazioni congiunte”, ha detto. Keita ha anche negato le affermazioni secondo cui le truppe francesi stiano uccidendo civili innocenti e ha lodato la Francia per i suoi sforzi, definendolo un “amico del Mali”. “I terroristi sono quelli che uccidono le persone innocenti tutti i giorni, non le forze francesi”, ha affermato. Keita ha anche dichiarato che il suo governo si sta battendo contro la corruzione.

Il presidente del Mali, Ibrahim Boubacar Keita. Fonte: Wikimedia Commons

Il presidente del Mali, Ibrahim Boubacar Keita. Fonte: Wikimedia Commons

 

di Redazione

Articoli correlati

Africa Libia

Libia: Salamé presenta l’emendamento dell’accordo di Skhirat

L’inviato dell’ONU in Libia, Ghassan Salamé, a margine della 72esima sessione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York, ha presentato un “piano d’azione”, che propone la modifica dell’accordo di Skhirat

Africa Etiopia

Etiopia: scontri nell’est del Paese hanno prodotto 50,000 sfollati

Gli scontri nell’est dell’Etiopia, ai confini tra la regione di Oromia e di Somali, hanno prodotto circa 50,000 sfollati, i quali sono stati costretti ad abbandonare le proprie case per sottrarsi alle violenze che, nel corso della settimana passata, hanno causato la morte di almeno 50 persone

Immigrazione Niger

Niger: i cacciatori di migranti dell’Europa

Il Niger è sempre stato un Paese di transito per i flussi migratori provenienti dall’Africa occidentale e diretti verso la Libia e l’Algeria. In particolare, l’instabilità politica, sociale ed economica che caratterizza il Paese africano da quasi sessant’anni ha contribuito favorire le attività dei trafficanti di esseri umani

Africa Libia

Libia: chiuso un condotto per il trasporto del petrolio verso Tripoli

Un gruppo armato ha chiuso un condotto di una stazione petrolifera che trasporta il carburante dal porto di Zawiya verso Tripoli, fermando in tal modo il pompaggio di carburante verso la capitale

Africa Egitto

Egitto: Al-Sisi incontra Netanyahu e Abbas

Il presidente egiziano, Abdel Fattah Al-Sisi, ha incontrato il Primo Ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, e il presidente palestinese, Mahmoud Abbas, in due incontri separati a New York per discutere i modi per rilanciare il processo di pace in Medio Oriente

Europa Libia

Operazione Sophia: 83 ufficiali della marina libica giunti in Italia

83 ufficiali della Guardia Costiera libica sono giunti in Italia per ricevere un corso di addestramento nell’ambito dell’EUNAVFOR Med Operazione Sophia


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.