Brasile: il presidente Temer a un passo dalla destituzione

Pubblicato il 20 maggio 2017 alle 6:04 in America Latina Brasile

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il Tribunale Supremo di Brasilia ha autorizzato un’indagine sul Presidente Michel Temer, accusato di corruzione da un imprenditore coinvolto nel caso Odebrecht. Abbandonato dagli alleati Temer, contro cui sono state presentate 12 richieste di impeachment, ha annunciato che non si dimetterà.

Il presidente del Brasile Michel Temer. Fonte: Wikimedia Commons

Il presidente del Brasile Michel Temer. Fonte: Wikimedia Commons

Michel Temer è al centro di una trama di corruzione, riciclaggio di denaro nero e storno di fondi – queste le accuse rivolte al Presidente del Brasile da Joseley Batista, magnate dell’alimentazione e proprietario della JBS, una delle maggiori imprese alimentari del mondo, valutata circa 50 miliardi di reais (13,5 miliardi di euro).  Temer avrebbe inoltre comprato il silenzio dell’ex presidente della Camera, Eduardo Cunha, per bloccare la mani pulite brasiliana.

Sulla base di queste accuse la Corte Suprema Federale ha autorizzato un’indagine sulle attività del Presidente, anteriori alla sua nomina alla guida del paese. La decisione dei magistrati ha causato un terremoto politico immediato. Sono 12, finora, le richieste di impeachment del Presidente, che hanno raccolto le firme di 156 dei 594 parlamentari brasiliani.

Temer ha annunciato che non si dimetterà, ma anche alcuni deputati e senatori di tre partiti della coalizione di governo (socialdemocratici, popolari e democratici) hanno firmato le richieste di impeachment. Nello scandalo è coinvolto anche il principale alleato di Temer, il leader del partito socialdemocratico Aecio Neves.

Manifestazioni spontanee contro il presidente, finora di modesta entità, stanno avendo luogo in tutto il paese. A Rio la polizia militare ha lanciato lacrimogeni e bombe gas contro i manifestanti. L’ex presidente Fernando Collor de Mello, deposto nel 1992 con accuse simili a quelle di Temer, ha lanciato un appello alla moderazione ricordando che le istituzioni brasiliane sono forti e che le due camere sono capaci di trovare vie d’uscita dalla crisi.

Neanche un anno dopo le procedure parlamentari che hanno portato alla destituzione di Dilma Rousseff, il Brasile si appresta a vivere di nuovo una crisi politica di ampia portata. La borsa di San Paolo ha subito il peggior crollo degli ultimi dieci anni e lo scorso 18 maggio è stata costretta e interrompere le quotazioni appena venti minuti dopo l’apertura.

Traduzione dal portoghese e redazione a cura di Italo Cosentino

 

di Redazione

Articoli correlati

America Latina Perù

Crisi politica in Perù: Mercedes Araoz nuova premier

Lo scontro tra il governo del presidente Kuczynski e la maggioranza parlamentare vicina all’ex dittatore Alberto Fujimori sul tema dello studio della teoria gender nelle scuole ha portato alla sfiducia del premier Zavala e alla nomina di un nuovo governo più affine al fujimorism

America Latina America centrale e Caraibi

Puerto Rico: preoccupazione per l’uragano Maria

Dopo l’uragano Irma, la nuova tempesta tropicale che ha colpito le Antille minori e si appresta a colpire Puerto Rico si chiama Maria. Il premier di Dominica salvato in elicottero

America Latina Brasile

Brasile: il ministro dell’agricoltura sotto accusa

Un altro ministro del governo Temer sotto inchiesta: si tratta del titolare dell’agricoltura Blairo Maggi, per reati commessi durante i suoi mandati di governatore del Mato Grosso

Cuba USA e Canada

CUBA: AMBASCIATA USA VERSO LA CHIUSURA?

Il segretario di stato Tillerson ammette che sta valutando la chiusura della sede diplomatica riaperta da appena due anni a causa degli attacchi acustici che hanno causato la sordità di alcuni diplomatici nordamericani

America Latina Venezuela

VENEZUELA: L’AMERICA LATINA DEVE AGIRE

Le potenze regionali devono intervenire diplomaticamente in Venezuela prima che lo facciano attori esterni, scongiurando così quanto accaduto a Cuba nel 1959

America Latina Brasile

BRASILE: NUOVE ACCUSE CONTRO TEMER

Il procuratore Rodrigo Janot presenta una nuova denuncia contro il Presidente, avviando di nuovo l’iter parlamentare per l’impeachment da cui Temer era riuscito a liberarsi lo scorso agosto


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.