Pakistan, 10 operai morti in un attacco a Gwadar

Pubblicato il 16 maggio 2017 alle 7:08 in Asia Pakistan

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Un gruppo di motociclisti armati di fucili ha aperto il fuoco sugli operai a lavoro in un cantiere nella provincia di Balochistan, in Pakistan.

Sono 10 gli operai morti durante l’attacco da parte di due uomini a bordo di motocicli armati di fucili, sabato 13 maggio, nella provincia sud-occidentale di Balochistan, in Pakistan. Si tratta di una regione molto ricca di giacimenti minerari che da decenni è soggetta a insurrezioni separatiste e uccisioni. Il cantiere preso di mira dall’attacco dei due uomini è situato a Peshukan Ganz, nelle vicinanze di uno dei più importanti porti del Pakistan, Gwadar.

L’attacco è stato rivendicato dalla Baloch Liberation Army (BLA) un gruppo armato separatista che lotta per l’indipendenza della provincia considerata la patria dell’etnia baloch. La BLA ha inviato un comunicato ad Al Jazeera per affermare la sua responsabilità nell’attacco. Il gruppo si oppone al governo del Pakistan e nell’ultimo decennio ha spesso preso di mira obiettivi sia militari che civili soprattutto nelle zone in cui la popolazione è a maggioranza di etnia baloch.

La ragione alla base dell’attacco al cantiere è l’opposizione della BLA alla costruzione del Corridoio Economico Cina-Pakistan (CPEC). Il CPEC è una parte integrante del grande progetto del presidente della Cina noto come Nuova Via della Seta che mira all’interconnessione sul continente euroasiatico e all’aumento della cooperazione tra i paesi posti lungo il percorso dell’antica via della seta.

“Questo piano cospiratorio (il CPEC) non è accettabile in alcun modo per la popolazione baloch. I gruppi pro-indipendenza baloch hanno chiarito molte volte che non hanno intenzione di fermarsi e di abbandonare il loro popolo in nome di progetti di sviluppo o di progetti che mirino alla democrazia”, ha dichiarato il portavoce della BLA.

Il Balochistan è la più estesa delle quattro province del Pakistan, ma i suoi 7 milioni di abitanti si lamentano spesso di non ricevere un’equa porzione delle risorse di gas naturale e minerarie presenti nella loro terra.

La creazione di un Corridoio Economico che colleghi il porto di Gwadar, in Pakistan, al Xinjiang, la regione sud-occidentale della Cina, è parte integrante del più grande progetto Nuova Via della Seta promosso dal presidente della Cina, Xi Jinping, a partire dal 2013. Il Corridoio Economico prevede la creazione di una serie di progetti infrastrutturali ed ingegneristici e la creazione di zone economiche speciali. Sono attualmente attivi 18 progetti, di cui 11 sono legati al settore dell’energia, al fine di colmare le lacune nell’approvvigionamento energetico del Pakistan.

Rappresentazione grafica del Corridoio Economico Cina-Pakistan che collega il Xinjiang al porto di Gwadar

Rappresentazione grafica del Corridoio Economico Cina-Pakistan che collega il Xinjiang al porto di Gwadar

di Redazione

Articoli correlati

Asia Myanmar

Bangladesh: arriva l’esercito per aiutare i Rohingya

I profughi Rohingya devono affrontare le piogge monsoniche, il Bangladesh invia l’esercito per aiutare a gestire la crisi

Asia Corea del Nord

Segretario Generale Onu: Soluzione Pacifica per la Corea del Nord

Il Segretario Guterres ha dichiarato che il mondo teme la guerra nucleare in Corea del Nord e chiesto una risoluzione politica alle tensioni crescenti. Donald Trump ha ribadito la posizione Usa e minacciato di distruggere Pyongyang

Asia Corea del Nord

Corea del Nord: Cina e Russia chiedono risoluzione pacifica

I ministri degli esteri di Cina e Russia si sono incontrati a New York e hanno richiesto una risoluzione pacifica della questione nordcoreana

Asia Myanmar

Malesia: Myanmar è la nuova meta per il jihad

L’Isis si aggiunge ad Al Qaeda nella chiamata alle armi per i musulmani perché difendano l’etnia minoritaria Rohingya di fede islamica perseguitata in Myanmar

Afghanistan Asia

Le autorità afghane vorrebbero addestrare e armare 20,000 civili

Le autorità afghane stanno valutando la possibilità di addestrare e armare 20,000 civili per aumentare le operazioni contro i talebani e l’ISIS

Asia Myanmar

Myanmar: Aung San Suu-kyi chiede aiuto per i Rohingya

La leader del Myanmar ha parlato per la prima volta della crisi umanitaria dei Rohingya e chiesto l’aiuto della comunità internazionale


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.