La NATO vorrebbe chiedere l’invio di ulteriori truppe in Afghanistan, Merkel contraria

Pubblicato il 14 maggio 2017 alle 12:03 in NATO

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

In seguito alla proposta della NATO di aumentare le truppe in Afghanistan, la cancelliera tedesca Angela Merkel ha riferito che la Germania non è d’accordo con tale iniziativa.

In occasione dell’incontro a Berlino con il segretario generale dell’alleanza, Jens Stoltenberg, l’11 maggio, la Merkel ha affermato: “Non siamo in prima linea per aumentare la nostra presenza in Afghanistan”, aggiungendo che Berlino continuerà a guidare gli addestramenti della NATO nel nord del paese asiatico. Dominic Kane, reporter di Al-Jazeera, ha spiegato che l’incontro tra la cancelliera tedesca e Stoltenberg è avvenuto a poche settimane di distanza dalla richiesta della NATO alla Gran Bretagna di aumentare le proprie truppe in Afghanistan. “Le autorità militari dell’alleanza hanno chiesto di inviare più soldati sul suolo afghano per aumentare la nostra presenza”, ha riferito il segretario generale, spiegando che tali truppe aggiuntive serviranno a addestrare, assistere e guidare le operazioni. Nel giro di qualche settimana, la NATO comunicherà una richiesta ufficiale, la quale sarà anche sull’agenda del summit di Bruxelles, previsto per il 25 maggio.

Da quando l’alleanza ha concluso la propria missione in Afghanistan, nel 2014, gli attacchi dei talebani contro i militari ed i civili sono aumentati. Attualmente, la NATO ha circa 13,450 truppe nel paese asiatico, di cui 6,900 statunitensi e 500 inglesi, le quali hanno il compito di addestrare le forze armate afghane e dirigere la sicurezza e la difesa dello Stato. Gli USA hanno inviato 1,500 ulteriori soldati incaricati di assistere le missioni seguendo le direttive del Pentagono, ed hanno annunciato di voler aumentare la loro presenza, attraverso l’invio di 3,000 o 5,000 truppe. Ad aprile, i talebani hanno comunicato l’inizio delle “offensivi primaverili”, le quali si verificano annualmente, e, la scorsa settimana, il gruppo si è impadronito di un distretto nei pressi di Kunduz, nel nord del paese.

Ad avviso di Mushtaq Rahim, analista di sicurezza, la NATO e la comunità internazionale dovrebbero focalizzarsi sulle cause del conflitto in corso in Afghanistan. “La strategia di fondo dovrebbe concentrarsi sulla sconfitta dei talebani partendo dalle radici della guerra, e non la gestione dei sintomi delle offensive”, ha spiegato Rahim.

L’alleanza ha iniziato la propria missione in Afghanistan, la International Security Assistance Force (ISAF), nell’agosto 2003, con l’obiettivo di aiutare le autorità afghane a fornire un’effettiva sicurezza e difesa al paese, e assicurarsi l’eliminazione dei terroristi locali. In seguito alla conclusione della missione nel 2014, la NATO, nel gennaio 2015, ha inaugurato una nuova iniziativa, la Resolute Support, per addestrare e assistere le forze di sicurezza locali e le istituzioni afghane. Le Nazioni Unite hanno riportato che, in seguito alle tensioni del 2016, 583,000 cittadini sono stati costretti ad abbandonare le proprie case.

Soldati in Afghanistan. Fonte: Wikimedia Commons

Soldati in Afghanistan. Fonte: Wikimedia Commons

di Redazione

Articoli correlati

NATO Turchia

LA SVOLTA STRATEGICA DELLA TURCHIA

Con la firma del recente accordo militare con la Russia, la Turchia ha effettuato un primo strappo nei confronti della NATO, di cui fa parte dal febbraio 1952

NATO

NATO PREOCCUPATA PER MEDIO ORIENTE E NORD AFRICA

La NATO è preoccupata riguardo alla situazione di instabilità in Medio Oriente e in Nord Africa, dove la crisi migratoria e i vari conflitti in Siria, Iraq Libia e Yemen stanno aumentando la minaccia per i Paesi membri dell’Alleanza

Europa NATO

La Lituania propone schieramento di missili americani Patriot nel Baltico

Le esercitazioni internazionali aeronautiche della NATO “Tobruq Legacy 2017” hanno avuto inizio martedì 11 luglio e sono terminate oggi, domenica 22 luglio

Europa NATO

Lituania: la Russia ha sviluppato capacità militare per attaccare il Baltico in 24 ore

Stando all’ultima relazione prodotta dai servizi di intelligence lituana, la Russia avrebbe sviluppato la capacità di lanciare un attacco agli Stati Baltici in meno di 24 ore, limitando così l’arrivo di rinforzi Nato

NATO

NATO unita per contrastare le minacce russe e terroristiche

Il 29 giugno, i ministri della difesa dei Paesi membri della NATO, riuniti a Brxelled, hanno discusso su diverse questione, tra cui le minacce esercitate dalla Russia e dai gruppi terroristici contro l’Alleanza, insieme alle politiche necessarie per contrastarle

NATO

Il Montenegro è diventato un membro ufficiale della NATO

Ieri, 5 giugno 2017, è stato sancito l’accesso del paese all’interno dell’Alleanza


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.