Mattarella in Uruguay: siete un modello per tutti

Pubblicato il 13 maggio 2017 alle 6:12 in America Latina Uruguay

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il Presidente della Repubblica in visita ufficiale a Montevideo loda il modello uruguayano. Al centro del vertice con l’omologo Vázquez l’accordo UE-Mercosur e gli investimenti italiani per la modernizzazione del sistema ferroviario del paese latinoamericano.

Vázquez e Mattarella a Montevideo. Fonte: presidencia.gub.uy

Vázquez e Mattarella a Montevideo. Fonte: presidencia.gub.uy

L’Uruguay è un partner di riferimento per l’Italia, sapendo che rappresenta un modello che va al di là dell’America Latina – ha affermato il Presidente Sergio Mattarella in occasione della conferenza stampa congiunta con il Presidente dell’Uruguay Tabaré Vázquez a Montevideo.

Mattarella ha lodato “una democrazia antica, vivace e autenticamente laica, che veramente rappresenta un modello di apertura e di tolleranza, dove tanti immigrati italiani sono stati accolti con apertura e generosità”.

L’Uruguay è infatti il secondo paese, dopo la Francia, ad aver stabilito che l’istruzione fosse obbligatoria, gratuita e laica con la riforma di José Pedro Varela nel 1876. Il paese, inoltre, se si fa eccezione per un breve periodo tra il 1973 e il 1985, non ha mai subito regimi dittatoriali, a differenza degli altri stati del continente. Si considera che, oltre ai circa 90000 italiani residenti in Uruguay siano almeno 1,5 milioni gli uruguaiani di origine italiana, poco meno della metà della popolazione.

In occasione del vertice con Tabaré Vázquez, Mattarella ha discusso dei progressi dell’accordo di libero scambio UE-Mercosur, fortemente voluto, in Europa, dall’Italia, dal Portogallo e dalla Spagna. Al centro dell’agenda anche gli investimenti italiani per la modernizzazione del sistema ferroviario uruguayano. Il nostro paese ha scarsa esperienza in materia – ha affermato Tabaré Vázquez secondo quanto riporta un comunicato ufficiale della Presidenza della Repubblica Orientale dell’Uruguay – e confidiamo moltissimo nell’esperienza e nei consigli dell’Italia.

Vázquez ha reso noto inoltre che entrambi i governi si sono accordati sul miglioramento dell’Accordo di Meccanismi Politici, firmato nel 2o11. In conseguenza di ciò un secondo vertice bilaterale si terrà a Roma nel secondo semestre di quest’anno per analizzare nuovi accordi commerciali, culturali e scientifici.

Roma e Montevideo si sono accordate anche per una maggior cooperazione in seno al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, organismo attualmente presieduto dall’Uruguay che cederà il timone proprio all’Italia il prossimo novembre. Vázquez e Mattarella hanno ricordato come i due paesi coincidano nella stragrande maggioranza delle votazioni all’ONU.

Vázquez ha infine sottolineato come gli immigrati italiani abbiano arricchito l’Uruguay con cultura, costumi e stile di vita che hanno contribuito a rendere il paese quello che è oggi.

Traduzione dallo spagnolo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Articoli correlati

America Latina Perù

Crisi politica in Perù: Mercedes Araoz nuova premier

Lo scontro tra il governo del presidente Kuczynski e la maggioranza parlamentare vicina all’ex dittatore Alberto Fujimori sul tema dello studio della teoria gender nelle scuole ha portato alla sfiducia del premier Zavala e alla nomina di un nuovo gover …

America Latina America centrale e Caraibi

Puerto Rico: preoccupazione per l’uragano Maria

Dopo l’uragano Irma, la nuova tempesta tropicale che ha colpito le Antille minori e si appresta a colpire Puerto Rico si chiama Maria. Il premier di Dominica salvato in elicottero

America Latina Brasile

Brasile: il ministro dell’agricoltura sotto accusa

Un altro ministro del governo Temer sotto inchiesta: si tratta del titolare dell’agricoltura Blairo Maggi, per reati commessi durante i suoi mandati di governatore del Mato Grosso

Cuba USA e Canada

CUBA: AMBASCIATA USA VERSO LA CHIUSURA?

Il segretario di stato Tillerson ammette che sta valutando la chiusura della sede diplomatica riaperta da appena due anni a causa degli attacchi acustici che hanno causato la sordità di alcuni diplomatici nordamericani

America Latina Venezuela

VENEZUELA: L’AMERICA LATINA DEVE AGIRE

Le potenze regionali devono intervenire diplomaticamente in Venezuela prima che lo facciano attori esterni, scongiurando così quanto accaduto a Cuba nel 1959

America Latina Brasile

BRASILE: NUOVE ACCUSE CONTRO TEMER

Il procuratore Rodrigo Janot presenta una nuova denuncia contro il Presidente, avviando di nuovo l’iter parlamentare per l’impeachment da cui Temer era riuscito a liberarsi lo scorso agosto


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.