Giordania: abbattuto un drone al confine con la Siria

Pubblicato il 13 maggio 2017 alle 13:31 in Giordania Medio Oriente

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La Giordania ha abbattuto un drone non identificato nei pressi dei confini con la Siria.

L’aviazione giordana ha comunicato che “un jet da guerra F-16 ha colpito un drone a nord del paese, al confine con la Siria, durante una ricognizione per cercare e analizzare i detriti di un aereo nella provincia di Mafraq”. Già nel 2014, nella stessa zona, la Giordania aveva abbattuto un drone identificato. Il paese mediorientale condivide 370 chilometri di confine con la Siria e fa parte della coalizione internazionale guidata dagli USA che combatte l’ISIS. L’11 maggio, le forze del regime siriano di Bassar al-Assad si sono scontrate con i ribelli siriani e gli altri membri della coalizione USA in un’area remota vicino alla frontiera giordana.

La Giordania e gli Stati Uniti, il 7 maggio, hanno dato inizio alla settima esercitazione militare annuale Eager Lion, che prevede la partecipazione di 7,400 truppe appartenenti a più di 20 nazioni diverse. In un comunicato rilasciato dalle truppe giordane, si legge che all’esercitazione, la quale si concluderà il 18 maggio, prenderanno parte soldati europei, asiatici, africani e dei paesi del Golfo Persico. Al-Jazeera English riporta che, quest’anno, alcuni reports hanno sottolineato l’importanza del momento in cui si sta verificando l’esercitazione, che indurrebbe a pensare ad un probabile intervento di terra in Siria, guidato dagli USA. Tuttavia, secondo gli analisti giordani, l’invio di truppe di terra giordane in Siria avrebbe ripercussioni sulla stabilità e la sicurezza di Amman. Ad avviso del generale giordano Mousa al-Odwan, la Giordania dovrebbe mantenere una postura difensiva nei pressi dei confini siriani, ed ha spiegato che “Amman non dovrebbe intervenire nel conflitto siriano, a meno che non sia confermata la presenza di un’imminente minaccia terroristica contro la sicurezza nazionale giordana”. Al-Odwan si è dichiarato in favore dell’impiego di forze speciali in un attacco preventivo in Siria per neutralizzare i jihadisti, ed ha minimizzato qualsiasi legame tra l’esercitazione Eager Lion e un eventuale intervento nel conflitto siriano.

Dall’inizio della guerra in Siria, la Giordania, oltre a far parte della coalizione internazionale a guida USA contro l’ISIS, ha ospitato migliaia di rifugiati siriani.

Drone da guerra. Fonte: Wikimedia Commons

Drone da guerra. Fonte: Wikimedia Commons

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.