Trump e Kuczynski si uniscono contro il “deterioramento” del Venezuela

Pubblicato il 9 maggio 2017 alle 6:10 in America Latina Perù

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Donald Trump è stato molto chiaro riguardo alla sua linea politica nei confronti del Venezuela: il rifiuto della deriva autoritaria del chavismo ed il pieno appoggio per trovare un’uscita istituzionale alla crisi attuale, un’uscita che conduca finalmente ad un rinnovamento democratico del paese sudamericano.

Accusato dall’opposizione degli Stati Uniti di essere un paese antidemocratico, il Venezuela costituisce una causa nella quale il neoeletto inquilino della Casa Bianca appare come uno statista con buonsenso e mosso da principi liberali.

I presidenti di Stati Uniti e Perù, Donald Trump e Pedro Pablo Kuczynski. Fonte: cdn.com.do

I presidenti di Stati Uniti e Perù, Donald Trump e Pedro Pablo Kuczynski. Fonte: cdn.com.do

Nel pomeriggio di sabato scorso 6 maggio, il presidente Trump ha intrattenuto una conversazione telefonica con il presidente del Perù, Pedro Pablo Kuczynski, durante la quale avrebbero a lungo discusso della crisi in Venezuela. Kuczynski, un liberale di centro, si era già più volte pronunciato contro il Governo del paese sudamericano, arrivando ad affermare, riferendosi all’America Latina: “qui il Venezuela è la nazione che si comporta peggio”. Il presidente venezuelano, Nicolás Maduro, da parte sua, aveva reagito in modo piuttosto alterato, assicurando di essere in possesso di informazioni che dimostrerebbero che il presidente peruviano, che vanta da sempre un forte legame con gli Stati Uniti in ambito accademico, imprenditoriale e anche personale, avrebbe cercato di convincere Trump ad “invadere” il Venezuela. “So quello che fai in privato”, affermò Maduro in quell’occasione. “Fai attenzione a quello che fai, amico mio”.

Nel comunicato ufficiale, rilasciato a seguito della conversazione telefonica tra i due presidenti, si è più volte sottolineata la volontà degli Stati Uniti e del Perù di appoggiare “istituzioni democratiche in Venezuela per fare fronte al progressivo deterioramento della sua crisi politica, economica e sociale”. Nella nota diffusa dalla Casa Bianca si legge inoltre che gli Stati Uniti “lavoreranno congiuntamente al Governo del Perù per cercare di migliorare le istituzioni democratiche e aiutare il popolo venezuelano”. Kuczynski ha inoltre ringraziato Donald Trump per l’aiuto che gli Stati Uniti hanno prestato al Perù a seguito delle inondazioni di marzo che hanno colpito più di mezzo milione di persone.

 

Traduzione dallo spagnolo a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Articoli correlati

Iran Medio Oriente

L’Iran presenta un nuovo missile balistico

L’Iran ha svelato un nuovo missile balistico a lungo-raggio. La notizia giunge dopo lo scambio di battute tra Trump e Rouhani in merito all’accordo sul nucleare

Iraq Medio Oriente

Iraq: Erdogan minaccia sanzioni contro il Kurdistan

Erdogan ha minacciato l’imposizione di sanzioni al Governo regionale del Kurdistan, se questo non rinuncerà al referendum

Israele Medio Oriente

Israele: prima base militare americana permanente

Gli Stati Uniti hanno stabilito una base militare permanente in Israele. Si tratta di una Base di Difesa Aerea situata all’interno della base dell’aeronautica militare israeliana di Mashabim, nel cuore del deserto del Negev

Medio Oriente Qatar

Qatar: una regione somala interrompe le relazioni con Doha

La regione sud-occidentale della Somalia ha annunciato di aver rotto i rapporti con il Qatar, accusando il Paese di sostenere il terrorismo, nonostante la posizione neutra adottata dal governo centrale di Mogadiscio

Kuwait Medio Oriente

IL KUWAIT ESPELLE L’AMBASCIATORE NORDCOREANO

Il Kuwait ha ordinato all’ambasciatore della Corea del Nord di lasciare il Paese entro il prossimo mese, riducendo la rappresentanza diplomatica nordcoreana in Kuwait

Medio Oriente Siria

SIRIA: USA ACCUSATI DI ARMARE I RIBELLI

Il procuratore federale tedesco ha dichiarato che porterà avanti le indagini in merito all’accusa secondo la quale le forze armate americane avrebbero inviato armi all’opposizione siriana attraverso una base militare tedesca senza i giusti permessi


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.