Ribelli etiopi arrestati in Sud Sudan

Pubblicato il 9 maggio 2017 alle 13:34 in Africa Etiopia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

I funzionari dell’intelligence nel Sud Sudan hanno riferito di aver arrestato sei ribelli etiopi nella capitale, Juba. Si dice che i ribelli detenuti appartengono al Fronte Patriottico dell’Etiopia (EUPF).

I sei sono stati arrestati con l’accusa di essere coinvolti nell’acquisto di armi da alcuni gruppi militari, senza il consenso del governo del Sud Sudan.

I ribelli dell’EUPF hanno combattuto contro il governo ad Addis Abeba per oltre un decennio. Il leader del gruppo ha recentemente firmato un accordo con Addis grazie alla mediazione del Sud Sudan.

Il capo del movimento, il generale Thowath Pal Chay, ha accusato il suo portavoce di essere il responsabile delle detenzioni. Tali accuse sono state negate dal colonnello, Pal Ojulu, in un’intervista al giornale South Sudan Tribune. ”Non ero a conoscenza dell’arresto del gruppo fermato a Juba”, ha dichiarato. Ha poi continuato accusando il generale Thowath Pal Chay di aver abbandonato le sue truppe e di voler concludere un accordo con il regime etiopico senza conferire con i suoi superiori. “La ragione dietro l’arresto del gruppo a Juba è dovuta all’acquisto di armi da parte delle milizie di Mathiang Anyor senza il benestare del governo del Sud Sudan”, ha detto al South Sudan Tribune.

L’Etiopia è al centro di un processo di pace fallito che ha coinvolto anche il Sud Sudan. Insieme al Kenya e al Sudan, hanno mediato i colloqui di pace tra il presidente, Salva Kiir, e il suo ex vice primo ministro, Riek Machar.

L’Etiopia nonostante i suoi problemi di sicurezza interna è considerata un membro chiave per raggiungere la stabilità nelle regioni del Corno d’Africa. Parte delle loro forze sono anche impegnate nella lotta contro al-Shabaab in Somalia. Un’organizzazione considerata di natura terroristica da Australia, Canada, Emirati Arabi Uniti, Regno Unito e Stati Uniti.

Capitale del Sud Sudan, Juba. Fonte: Wikimedia Commons

Capitale del Sud Sudan, Juba. Fonte: Wikimedia Commons

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.