Mattis loda la Polonia per il suo supporto alla NATO

Pubblicato il 9 maggio 2017 alle 6:52 in NATO USA e Canada

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il segretario della difesa americano, James Mattis, il 4 maggio, ha colloquiato telefonicamente con la controparte polacca, Antoni Macierewicz.

Il capo dei portavoce della Casa Bianca, Dana W. White, ha riferito che nel corso della telefonata Mattis si è congratulato con Macierewicz per l’iniziativa della Polonia, la quale dedicherà il 2% del proprio PIL alle spese per la difesa. La decisione di Varsavia è in linea con quanto stabilito in occasione del summit in Galles del 5 settembre 2014 riguardo agli obblighi delle spese nazionali sulla difesa. Mattis si è congratulato con la Polonia anche per il suo impegno in seno alla NATO. Dall’altra parte, Macierewicz ha riferito di apprezzare la presenza delle truppe americane nel territorio del proprio paese. Infine, i due leaders hanno confermato la propria alleanza, promettendo di rimanere in stretto contatto con l’obiettivo di rafforzare ulteriormente le relazioni tra USA e Polonia.

La Polonia è divenuta un membro della NATO nel marzo 1999. In occasione del vertice NATO del 2014 in Galles, i ministri della difesa dei 28 Stati membri dell’alleanza hanno istituito il Readiness Action Plan (RAP), un pacchetto di misure per rispondere al mutato contesto di sicurezza nei territori dell’est Europa, con l’obiettivo di rafforzare la difesa e di scoraggiare possibili aggressioni contro gli Stati dell’Europa centrale e dell’est. A tal proposito, la NATO ha deciso di stabilire 8 piccoli quartier generali chiamati Force Integration Units (NFIUs), in Bulgaria, Paesi baltici, Polonia, Romania e Slovacchia. Successivamente, il summit NATO di Varsavia, tenutosi il 7-8-9 luglio 2016, ha segnato l’entrata in vigore del Readiness Action Plan e degli NFIUs. Nell’occasione, il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha dichiarato che l’alleanza avrebbe dispiegato quattro battaglioni di combattimento multinazionali nei tre Stati baltici e in Polonia.

Segretario della difesa americano, james Mattis. Fonte: Wikimedia Commons

Segretario della difesa americano, james Mattis. Fonte: Wikimedia Commons

di Redazione

Articoli correlati

Nigeria USA e Canada

Incontro Buhari-Trump: Nigeria e USA rafforzano i legami

Il presidente nigeriano, Muhammadu Buhari, ha incontrato Donald Trump a margine della 72esima riunione dell’Assemblea Generale dell’Onu, a New York. Si è trattato del primo meeting tra i due leader, i quali avevano colloquiato telefonicamente lo scorso febbraio

Europa Yemen

Italia: 1 milione di euro allo Yemen per combattere la malnutrizione dei bambini

Il ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Angelino Alfano, ha annunciato che l’Italia donerà più di un milione di euro allo Yemen, per aiutarlo a combattere la malnutrizione dei bambini

Africa Camerun

Camerun: giornalisti come terroristi

Secondo quanto riferito da alcuni osservatori internazionali, le autorità del Camerun stanno applicando la legge anti-terrorismo per arrestare e minacciare i giornalisti, creando un clima di paura in tutto il Paese

Afghanistan Asia

L’Afghanistan guarda al Pakistan

Alcuni ufficiali afghani sono convinti che il Pakistan possa trasformarsi in un buon alleato regionale, attraverso l’adozione di un nuovo approccio verso l’Afghanistan

Africa Sud Sudan

Sud Sudan: forze leali all’ex vice presidente attaccano forze governative

Combattenti leali all’ex vice presidente del Sud Sudan, Riek Machar, hanno attaccato le forze governative nello Stato di Unità, uccidendo 25 persone, tra cui alcuni civili e donne. Tale territorio è ricco di risorse petrolifere, che sono state abbandonate per via dei continui scontri

Europa

Attentato alla metro di Londra: arrestato il sesto sospettato

Ammontano a 6 gli individui trattenuti dalla polizia sospettati di essere legati all’esplosione nella metro di Londra del 15 settembre


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.