Somalia: uno dei leader di al-Shabaab e tre suoi combattenti sono rimasti uccisi in un raid

Pubblicato il 8 maggio 2017 alle 9:25 in Africa Somalia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Uno dei capi di al-Shabaab, Moalim Osman Abdi Badil, e tre combattenti sono stati uccisi durante uno scontro nella regione inferiore della Somalia.

Secondo il ministero dell’informazione della Somalia, è stato ucciso anche un militare della marina statunitense e due soldati sono stati feriti nel raid di venerdì 5 maggio . “Il 5 maggio l’esercito nazionale somalo ha ucciso il leader al-Shabaab, Moalim Osman Abdi Badil e tre combattenti“, ha dichiarato in un comunicato il ministero. “Questo indebolirà i terroristi nella regione di Lower Shabelle. È una vittoria delle forze somali e della pace“, ha aggiunto.

I militanti di al-Shabaab, affiliati di al-Qaeda, hanno condotto frequenti attacchi a Mogadiscio mentre combattono per abbattere il governo occidentale della Somalia e cercano di cacciare le truppe di pace dell’Unione Africana.

Il governo ha affermato che la morte di uno dei leader di al-Shabaab “rafforza la guerra al terrorismo”, per questo motivo i combattenti saranno più propensi a lasciare tale organizzazione.

Il portavoce del gruppo militante non ha commentato la situazione.

Il governo centrale crollò nel 1991 a causa della guerra civile, tuttora in corso. Il conflitto nacque dalla resistenza nei confronti del regime di Siad Barre, portata avanti durante gli anni ’80. Nel 1988-90 le forze armate somale ingaggiarono scontri con diversi gruppi ribelli, tra i quali il Congresso della Somalia Unita, il Movimento Nazionale Somalo (nel Somaliland) e il Fronte Democratico di Salvezza Somalo (nel Puntland). Nel 1991, i clan ed i gruppi armati ribelli rovesciarono il regime di Barre; il successivo vuoto di potere portò ad una lotta tra le varie fazioni. Il conflitto indusse le Nazioni Unite ad organizzare una missione di peace-keeping a metà anni ’90. Nel 2000 venne insediato il Governo nazionale di transizione (GNT), seguito dal Governo federale di transizione nel 2004 (GFT).

Mappa della Somalia. Fonte: Wikimedia Commons

Mappa della Somalia. Fonte: Wikimedia Commons

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.