Somalia: il ministro dei lavori pubblici è stato ucciso

Pubblicato il 5 maggio 2017 alle 6:03 in Africa Somalia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Mercoledì 3 maggio, il ministro somalo dei lavori pubblici e della ricostruzione, Abbas Abdullahi Siraji, è stato ucciso da soldati governativi a Mogadiscio.

Il ministro Abbas Abdullahi Siraji stava guidando la sua auto quando le guardie del corpo che scortavano il revisore generale, Nur Farah, ritenendo la sua auto sospetta, gli hanno sparato. L’incidente è avvenuto  vicino al palazzo presidenziale.

La polizia di Mogadiscio ha immediatamente arrestato i quattro soldati in relazione all’omicidio. Il ministro dell’informazione della Somalia ha confermato la tragedia in un post twitter, tuttavia, non ha fornito ulteriori dettagli su quanto accaduto.

Il colonnello, Hassan Mohamed, un ufficiale della polizia somala ha confermato anche lui la morte del ministro, dicendo che un altro funzionario che era nella stessa macchina è riuscito a salvarsi.

Siraji, 31 anni, era il più giovane ministro del nuovo governo della Somalia ed è stato in carica solo un mese. È cresciuto e vissuto nel campo profughi di Dadaab nel Kenya nordorientale dopo il crollo del governo centrale nel 1991. Siraji era anche un membro del Parlamento federale, eletto nella regione di Jubaland.

Mappa della Somalia. Fonte: Wikimedia Commons

Mappa della Somalia. Fonte: Wikimedia Commons

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.