USA e Repubblica Ceca rafforzano i legami in seno alla NATO

Pubblicato il 3 maggio 2017 alle 9:47 in NATO USA e Canada

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il segretario della difesa americano, James Mattis, ieri, ha incontrato il ministro della difesa della Repubblica Ceca, Martin Stropnicky, al Pentagono.

I due diplomatici hanno discusso sulla collaborazione tra USA e Repubblica Ceca nella difesa, focalizzandosi sulla lotta contro l’ISIS in Siria e in Iraq e sulla campagna militare in Afghanistan. Mattis ha ringraziato Stropnicky per il contributo dato dal suo paese nella guerra contro i terroristi dello Stato Islamico, sottolineando il potenziale delle attività delle squadre ceche che operano in Iraq. Il segretario della difesa americano ha definito l’appoggio della Repubblica Ceca “rincuorante”, ed ha colloquiato con Stropnick sulla possibilità di mettere in atto ulteriori forme di sostegno nella campagna per eliminare l’ISIS. Mattis ha aggiunto: “(il vostro supporto) Dimostra che state dalla parte delle nazioni civilizzate; siete un membro a pieno titolo della NATO, come noi, lo dimostrano le vostre truppe di terra presenti negli Stati baltici”. Ad avviso del segretario della difesa americano, l’Alleanza sta unendo tutti i paesi membri nella lotta al terrorismo.

Dall’altra parte, Stropnicky ha riferito che l’appartenenza della Repubblica Ceca alla NATO è cruciale, ed è uno dei pilastri principali dello sviluppo democratico in seguito al 1989. Il ministro della difesa ceco si è detto d’accordo con il principio della ripartizione degli oneri interno all’Alleanza, che ha definito “assolutamente logico e giusto”.

La Repubblica Ceca è entrata a far parte della NATO il 12 marzo del 1999. Da allora, ha partecipato ai lavori di diversi organi dell’Alleanza. Inoltre, l’appartenenza alla NATO determina in modo decisivo la politica di sicurezza del paese. Praga è stata coinvolta in varie missioni volte a stabilizzare e mettere in sicurezza il sud-est europeo, quali l’operazione NATO KFOR in Kosovo, dove sono stati inviati più di 8000 soldati; l’UE ALTHEA in Bosnia Erzegovina; ma anche in Iraq, con la NATO Training Mission in Iraq; e la NATO Isaf Operation, volta a combattere il terrorismo in Afghanistan.

In linea con le decisioni prese dai vertici della NATO al summit di Varsavia, il 7-8-9 luglio 2016, durante il quale venne deciso il dispiegamento di quattro battaglioni di combattimento multinazionali nei tre Stati baltici per preservare la sicurezza della regione da eventuali aggressioni russe, la Repubblica Ceca, insieme alla Polonia, all’Ungheria e alla Slovacchia, ha inviato centinaia di soldati in Estonia, Lettonia e Lituania a partire dal gennaio 2017.

Segretario alla difesa statunitense, Jim Mattis. Fonte: Departement of Defense

Segretario alla difesa statunitense, Jim Mattis. Fonte: Departement of Defense

di Redazione

Articoli correlati

Nigeria USA e Canada

Incontro Buhari-Trump: Nigeria e USA rafforzano i legami

Il presidente nigeriano, Muhammadu Buhari, ha incontrato Donald Trump a margine della 72esima riunione dell’Assemblea Generale dell’Onu, a New York. Si è trattato del primo meeting tra i due leader, i quali avevano colloquiato telefonicamente lo scorso febbraio

Europa Yemen

Italia: 1 milione di euro allo Yemen per combattere la malnutrizione dei bambini

Il ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Angelino Alfano, ha annunciato che l’Italia donerà più di un milione di euro allo Yemen, per aiutarlo a combattere la malnutrizione dei bambini

Africa Camerun

Camerun: giornalisti come terroristi

Secondo quanto riferito da alcuni osservatori internazionali, le autorità del Camerun stanno applicando la legge anti-terrorismo per arrestare e minacciare i giornalisti, creando un clima di paura in tutto il Paese

Afghanistan Asia

L’Afghanistan guarda al Pakistan

Alcuni ufficiali afghani sono convinti che il Pakistan possa trasformarsi in un buon alleato regionale, attraverso l’adozione di un nuovo approccio verso l’Afghanistan

Africa Sud Sudan

Sud Sudan: forze leali all’ex vice presidente attaccano forze governative

Combattenti leali all’ex vice presidente del Sud Sudan, Riek Machar, hanno attaccato le forze governative nello Stato di Unità, uccidendo 25 persone, tra cui alcuni civili e donne. Tale territorio è ricco di risorse petrolifere, che sono state abbandonate per via dei continui scontri

Europa

Attentato alla metro di Londra: arrestato il sesto sospettato

Ammontano a 6 gli individui trattenuti dalla polizia sospettati di essere legati all’esplosione nella metro di Londra del 15 settembre


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.