Francia: uccisi 20 militanti sul confine tra Mali e Burkina Faso

Pubblicato il 2 maggio 2017 alle 6:14 in Africa Mali

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La Francia ha dichiarato l’uccisione di circa 20 militanti di un gruppo armato non identificato nascosto tra le foreste vicino al confine tra Mali e Burkina Faso.

Aerei francesi hanno bombardato diversi depositi d’armi da fuoco nascosti nella foresta Foulsare, situata a sudest dalla città di Gao nel nord del Mali, il 29 aprile 2017. L’operazione comprendeva sia attacchi aerei che via terra ed è avvenuta poco dopo l’uccisione di un soldato francese durante lo scorso mese. Le truppe dell’operazione Barkhane, il cui obiettivo è di combattere milizie armate presenti nella regione del Sahel nel deserto del Sahara, hanno scoperto numerosi depositi di armi, munizioni, razzi ed esplosivi.

Il Mali è stato protagonista di numerosi attacchi terroristici da parte di milizie islamiche violente. Nel 2013 è stata avviata un’operazione condotta dalla Francia per combattere i gruppi terroristici insediati nelle città nel nord del Mali.

Il Mali ha esteso lo stato di emergenza per altri 6 mesi a seguito delle minacce terroristiche.

Anche nel paese confinante, in Burkina Faso, la violenza si è intensificata dallo scorso anno quando dodici persone sono state uccise nella capitale. Secondo le autorità del Burkina Faso si è formato un nuovo gruppo militante islamico dal nome “Ansar al-Islam” con base nella foresta Foulsare.

Anche in Niger le truppe francesi sono intervenute nel gennaio 2013 per fermare un’offensiva condotta dal gruppo terroristico al-Qaeda che aveva preso il controllo del nord del paese.

L’operazione Barkhane ha disposto circa 4.000 soldati in Mali per combattere l’insurrezione islamica che sta affliggendo il nord del paese. I soldati sono stati distribuiti tra le cinque ex-colonie francesi – Mali, Ciad, Niger, Mauritania e Burkina Faso.

Nonostante il dispiegamento di truppe francesi, operazioni di peacekeeping delle Nazioni Unite e anni di dialoghi per la pace, il Mali rimane protagonista di tensioni, dissesto e conflitti etnici.

Aereo militare Mirage francese, operazione in Mali. Fonte: theaviationist.com

Aereo militare Mirage francese, operazione in Mali. Fonte: theaviationist.com

di Redazione

Articoli correlati

Africa Libia

Libia: Salamé presenta l’emendamento dell’accordo di Skhirat

L’inviato dell’ONU in Libia, Ghassan Salamé, a margine della 72esima sessione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York, ha presentato un “piano d’azione”, che propone la modifica dell’accordo di Skhirat

Africa Etiopia

Etiopia: scontri nell’est del Paese hanno prodotto 50,000 sfollati

Gli scontri nell’est dell’Etiopia, ai confini tra la regione di Oromia e di Somali, hanno prodotto circa 50,000 sfollati, i quali sono stati costretti ad abbandonare le proprie case per sottrarsi alle violenze che, nel corso della settimana passata, hanno causato la morte di almeno 50 persone

Immigrazione Niger

Niger: i cacciatori di migranti dell’Europa

Il Niger è sempre stato un Paese di transito per i flussi migratori provenienti dall’Africa occidentale e diretti verso la Libia e l’Algeria. In particolare, l’instabilità politica, sociale ed economica che caratterizza il Paese africano da quasi sessant’anni ha contribuito favorire le attività dei trafficanti di esseri umani

Africa Libia

Libia: chiuso un condotto per il trasporto del petrolio verso Tripoli

Un gruppo armato ha chiuso un condotto di una stazione petrolifera che trasporta il carburante dal porto di Zawiya verso Tripoli, fermando in tal modo il pompaggio di carburante verso la capitale

Africa Egitto

Egitto: Al-Sisi incontra Netanyahu e Abbas

Il presidente egiziano, Abdel Fattah Al-Sisi, ha incontrato il Primo Ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, e il presidente palestinese, Mahmoud Abbas, in due incontri separati a New York per discutere i modi per rilanciare il processo di pace in Medio Oriente

Europa Libia

Operazione Sophia: 83 ufficiali della marina libica giunti in Italia

83 ufficiali della Guardia Costiera libica sono giunti in Italia per ricevere un corso di addestramento nell’ambito dell’EUNAVFOR Med Operazione Sophia


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.