Etiopia: condannati due membri di al-Shabaab

Pubblicato il 30 aprile 2017 alle 6:03 in Africa Etiopia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Un tribunale dell’Etiopia ha condannato due persone per aver pianificato un attacco contro il paese nel 2014. I due sovversivi hanno detto di avere legami con il gruppo di ribelli somalo chiamato al-Shabaab.

Secondo l’avvocato generale che ha curato il caso, i due condannati, Bedris Yesuf e Anis Usman, hanno ricevuto l’addestramento da al-Shabaab e successivamente si sarebbero attivamente impegnati nel reclutamento di ulteriori membri e avrebbero cercato di istituire una cella terroristica in Etiopia.

La società di radiodiffusione FANA, ha riferito che Bedris è stato condannato a un periodo di reclusione di sei anni e sei mesi, invece Anis ha ottenuto cinque anni e sei mesi di prigionia.

Bedris Yesuf era già noto alla polizia per aver partecipato a una sparatoria contro le forze dell’Unione Africana avvenuta nove anni fa a Mogadiscio.

Le forze etiopi sono impegnate nella lotta contro al-Shabaab nella vicina Somalia. Recentemente però è stato richiesto loro di ritirare in maniera graduale le proprie truppe dallo Stato somalo, una decisione che gli osservatori che si occupano di sicurezza dicono indebolirà ulteriormente il paese.

L’Etiopia ha dichiarato lo Stato di emergenza, il 9 ottobre dello scorso anno per frenare i violenti disordini che portarono a danni alle proprietà, tra cui quelli alle imprese locali e internazionali. Il 30 marzo il parlamento dell’Etiopia ha votato all’unanimità per l’estensione dello Stato di emergenza, al fine di placare le persistenti proteste anti-governative nelle regioni di Amhara e Oromia. Le contestazioni sono cominciate alla fine del 2015, in seguito a presunte espropriazioni subite dalle due comunità che vivono in tali regioni e dalla politica di repressione ed emarginazione perpetuata dallo Stato nei loro confronti.

Recentemente le forze di sicurezza dell’Etiopia hanno reso noto l’arresto di 98 persone, affermando che gli individui presi in custudia stavono cercando di attraversare il paese dopo aver ricevuto un addestramento allo scopo di eseguire missione commissionate da organizzazioni terroristiche basate in Eritrea, quali Ginbot 7 e Oromo Liberation Front (OLF).

Cartina dell'Etiopia. Fonte: Wikimedia Commons

Cartina dell’Etiopia. Fonte: Wikimedia Commons

di Redazione

Articoli correlati

Africa Egitto

Egitto: Al-Sisi incontra Netanyahu e Abbas

Il presidente egiziano, Abdel Fattah Al-Sisi, ha incontrato il Primo Ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, e il presidente palestinese, Mahmoud Abbas, in due incontri separati a New York per discutere i modi per rilanciare il processo di pace in Medio Oriente

Europa Libia

Operazione Sophia: 83 ufficiali della marina libica giunti in Italia

83 ufficiali della Guardia Costiera libica sono giunti in Italia per ricevere un corso di addestramento nell’ambito dell’EUNAVFOR Med Operazione Sophia

Africa Nigeria

Doppio attacco suicida nel nord-est della Nigeria: almeno 15 morti

Due donne si sono fatte esplodere nel villaggio di Mashalari, nell’area di Kodunga, a circa 40 chilometri da Maiduguri, uccidendo almeno 15 persone e ferendone altre 43

Burundi Congo

REP. DEM. DEL CONGO: UCCISI 36 RIFUGIATI DEL BURUNDI

Le forze di sicurezza della Repubblica Democratica del Congo hanno ucciso almeno 36 rifugiati del Burundi, mentre altri 100 sono rimasti feriti, nel corso di scontri emersi intorno alla questione del loro rimpatrio

Approfondimenti Ciad

IL CIAD E IL TERRORISMO

Secondo quanto riportato dal governo americano, nel 2016, il Ciad ha intensificato i propri sforzi per migliorare le operazioni anti-terrorismo ma, a causa del peggioramento della crisi finanziaria, le autorità ciadiane hanno riscontrato grosse difficoltà, persino nei pagamenti dei salari alla polizia e ai soldati

Africa Repubblica Centrafricana

REPUBBLICA CENTRAFICANA: TENSIONI SEMPRE PIU’ GRAVI

Almeno 25 persone sono state uccise in una serie di scontri tra diversi gruppi armati nel corso di questa settimana, in seguito all’aumento delle tensioni nella Repubblica Centrafricana.


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.