Mattis in Gibuti: gli USA rafforzano i legami con il paese africano

Pubblicato il 26 aprile 2017 alle 9:21 in USA e Canada

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il 23 aprile, il segretario della difesa americano, James Mattis, ha incontrato il presidente del Gibuti, Ismail Omar Guelleh.

I due hanno discusso sulle relazioni tra gli USA ed il paese africano, descrivendole “forti e in via di rafforzamento”. “Sono venuto qui per colloquiare con il presidente Guelleh e per incontrare il Generale dei Marines Thomas D. Waldhauser, comandante americano per le operazioni statunitensi in Africa”, ha riferito Mattis durante una conferenza in Gibuti. Il segretario della difesa ha espresso la propria gratitudine verso Guelleh, spiegando che lo Stato africano “è sempre stato vicino agli USA, soprattutto nei giorni bui dopo l’attacco dell’11 settembre 2001”. Da allora, il Djibouti ospita diverse truppe americane. Ad avviso di Mattis, tale concessione dimostra le forti relazioni tra Washington e Gibuti City.

Per ricambiare l’appoggio dello Stato africano, Mattis ha riferito che gli USA sosterranno il Gibuti nella lotta al terrorismo, rispettando sempre la sua sovranità. In seguito alla conferenza stampa, il segretario della difesa americano ha riferito che avrebbe incontrato le truppe francesi presenti in Gibuti. “Siamo preoccupati per via del recente attacco terroristico che è avvenuto a Parigi; i francesi sono partners importanti nella lotta al fondamentalismo dal momento che hanno preso parti a diverse operazioni anti-terroristiche in questa regione”, ha spiegato Mattis.

Gli americani ed i francesi non sono i soli Stati ad avere un interesse strategico nel Gibuti, il quale costituisce un importante snodo geografico. Anche il Giappone possiede una base militare nel paese africano e, secondo Mattis, tale fatto dimostra come diverse nazioni possono collaborare positivamente. “Abbiamo lo stesso interesse nel Gibuti per assicurare la sicurezza della regione; ogni nazione che ha esteso la propria presenza qui, tuttavia, rispetta la sovranità del paese”.

Cartina Africa, in rosso il Gibuti. Fonte: Wikimedia Commons

Cartina Africa, in rosso il Gibuti. Fonte: Wikimedia Commons

di Redazione

Articoli correlati

Nigeria USA e Canada

Incontro Buhari-Trump: Nigeria e USA rafforzano i legami

Il presidente nigeriano, Muhammadu Buhari, ha incontrato Donald Trump a margine della 72esima riunione dell’Assemblea Generale dell’Onu, a New York. Si è trattato del primo meeting tra i due leader, i quali avevano colloquiato telefonicamente lo scorso febbraio

Europa Yemen

Italia: 1 milione di euro allo Yemen per combattere la malnutrizione dei bambini

Il ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Angelino Alfano, ha annunciato che l’Italia donerà più di un milione di euro allo Yemen, per aiutarlo a combattere la malnutrizione dei bambini

Africa Camerun

Camerun: giornalisti come terroristi

Secondo quanto riferito da alcuni osservatori internazionali, le autorità del Camerun stanno applicando la legge anti-terrorismo per arrestare e minacciare i giornalisti, creando un clima di paura in tutto il Paese

Afghanistan Asia

L’Afghanistan guarda al Pakistan

Alcuni ufficiali afghani sono convinti che il Pakistan possa trasformarsi in un buon alleato regionale, attraverso l’adozione di un nuovo approccio verso l’Afghanistan

Africa Sud Sudan

Sud Sudan: forze leali all’ex vice presidente attaccano forze governative

Combattenti leali all’ex vice presidente del Sud Sudan, Riek Machar, hanno attaccato le forze governative nello Stato di Unità, uccidendo 25 persone, tra cui alcuni civili e donne. Tale territorio è ricco di risorse petrolifere, che sono state abbandonate per via dei continui scontri

Europa

Attentato alla metro di Londra: arrestato il sesto sospettato

Ammontano a 6 gli individui trattenuti dalla polizia sospettati di essere legati all’esplosione nella metro di Londra del 15 settembre


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.