Inizia l’installazione del THAAD in Corea del Sud

Pubblicato il 26 aprile 2017 alle 10:59 in Asia Corea del Sud

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Lo scudo per la difesa anti-missile americano THAAD è giunto nel luogo in cui verrà installato, un campo da golf nel distretto di Seongju in Corea del Sud, in risposta alle crescenti tensioni e minacce provenienti dalla Corea del Nord, secondo le informazioni riportate dall’agenzia di stampa sudcoreana Yonhap.

I componenti del THAAD sono giunti nella località selezionata per l’installazione del sistema di difesa missilistica che la Corea del Sud ha acquistato dagli Stati Uniti. Il THAAD è un complesso scudo anti missile che mira alla intercettazione e distruzione di missili balistici di medio e corto raggio durante la loro ultima fase di volo. L’installazione del THAAD era inizialmente prevista per la fine del 2017, ma è stata accelerata a causa delle tensioni sempre maggiori e delle minacce provenienti da Pyongyang. Nel mese di marzo 2017, i componenti del sistema hanno iniziato ad arrivare alla base militare americana a 70 km a sud di Seoul e da lì vengono ora trasportati nel luogo scelto per installarli, un campo da golf nel distretto di Seongju.

Gli abitanti della zona sono contrari all’installazione dei radar statunitensi e hanno manifestato per dimostrare il loro dissenso, giungendo allo scontro con le forze dell’ordine inviate a mettere in sicurezza la zona per il passaggio dei tir che trasportano le apparecchiature. Negli scontri ci sono stati 6 feriti, secondo quanto riportato dall’agenzia ufficiale di stampa cinese, Xinhua. I sudcoreani avrebbero manifestato il loro dissenso con lo slogan “No al THAAD, no alla guerra” scontrandosi con la barricata della polizia, scrive Xinhua. I cittadini di Seongju denuncerebbero la mancata analisi d’impatto ambientale e di rischio prima dell’inizio dell’installazione del THAAD e lo riterrebbero possibile causa di ulteriori minacce da Pyongyang.

La Corea del Sud è spaccata in merito al sistema di difesa Usa, non tutti sono concordi e c’è chi pensa che la misura di difesa possa invece divenire una miccia per innescare un attacco dalla Corea del Nord. La decisione di installare il THAAD era stata presa dalla ex presidente Park Geun-hye, deposta dalla Corte Costituzionale per corruzione il 10 febbraio 2017. Il primo ministro e presidente ad interim della Corea del Sud  – fino alle elezioni presidenziali del 9 maggio- ha deciso l’accelerazione nell’installazione del THAAD insieme a Mike Pence, vice presidente degli Usa, durante la sua visita in Estremo Oriente.

La Cina si oppone fermamente all’installazione del THAAD perché, da un lato, teme che esso possa esasperare ulteriormente le tensioni nella penisola coreana e dall’altro che un sistema di difesa missilistica statunitense così vicino al suo confine nazionale possa diventare un pericolo per la sua stessa sicurezza interna.

Le tensioni nella penisola coreana hanno visto una rapida escalation tra la fine del 2016 e l’inizio del 2017 con l’aumentare dei test di lancio di missili balistici da parte del leader della Corea del Nord, Kim Jong-un. Gli Stati Uniti, con l’amministrazione Trump, hanno intrapreso una linea più dura per gestire le continue violazioni alle risoluzioni Onu da parte di Pyongyang. Tra le misure finora intraprese da Donald Trump c’è l’ordine di spostare la portaerei Carl Vinson e il gruppo di attacco da essa guidata verso le acque della penisola coreana, seguito dall’arrivo del sottomarino statunitense Michigan al porto di Busan. Oltre alla dimostrazione di forza militare, gli Stati Uniti stanno anche incoraggiando la Cina ad utilizzare la sua influenza sul regime suo alleato per convincerlo ad abbandonare il programma nucleare. Sebbene Pechino abbia titubato per un po’ prima di entrare effettivamente in azione, nelle ultime settimane ha aumentato le sue misure contro Pyongyang, prima tra tutte la decisione di interrompere le esportazioni di greggio verso la Corea del Nord. Il presidente cinese Xi Jinping continua a chiedere una risoluzione pacifica delle tensioni e il ritorno al dialogo, lo ha fatto anche durante la telefonata con la sua controparte statunitense, Donald Trump, nella telefonata di lunedì 23 aprile.

Mappa che illustra la futura posizione del THAAD e il suo funzionamento. Fonte: AFP / AFP / LAURENCE CHU

Mappa che illustra la futura posizione del THAAD e il suo funzionamento. Fonte: AFP / AFP / LAURENCE CHU

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.