Disputa tra Marocco e Algeria su 54 rifugiati siriani

Pubblicato il 25 aprile 2017 alle 6:41 in Africa Algeria

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il Ministro degli Esteri del Marocco ha citato l’Ambasciatore d’Algeria dopo che 54 siriani hanno tentato di varcare illegalmente il confine.

Il Ministro marocchino, in un comunicato stampa, ha dichiarato che 54 siriani hanno tentato di entrare in Marocco tra il 17 e il 19 aprile attraverso la città di Figuig che si trova in un’area circondata da montagne lungo il confine Marocco-Algerino. L’Algeria è stata accusata di aver forzato i rifugiati ad attraversare il confine.

Il Ministro ha commentato l’accaduto dicendo: “È immorale manipolare le persone in difficoltà fisica e morale e seminare discordia sul confine Marocco-Algerino” inoltre ha aggiunto che l’Algeria deve prendersi la responsabilità politica e morale della situazione che ha contribuito a creare.

L’Algeria non ha risposto alle accuse da parte del Marocco secondo l’agenzia di stampa APS.

Il Ministro degli Esteri marocchino ha inoltre assicurato che circa 5.000 siriani sono entrati nel paese tramite un processo di regolazione migratoria. Centinaia di persone hanno ricevuto lo status di rifugiato politico.

Il Marocco e l’Algeria condividono circa 1.500 km di terreno di confine che va dal mar Mediterraneo al deserto del Sahara. Il confine nord-africano è stato oggetto di numerosi contenziosi da quando l’Algeria ha ottenuto l’Indipendenza dalla Francia. Un conflitto armato negli anni 60’ lungo il confine è conosciuto come “Guerra di Sabbia” (Sand War).

Tuttavia la maggiore causa di dispute tra i due paesi riguarda il Sahara Occidentale, un ex-colonia spagnola, che il Marocco ha annesso al suo territorio nel 1975 creando l’opposizione di un movimento indipendentista, il Fronte Polisario. L’Algeria sostiene e appoggia il movimento Polisario, questa posizione crea astio con il Marocco.

Deserto Algeria. Fonte: Wikipedia

Deserto Algeria. Fonte: Wikipedia

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.