In Guyana Francese vince l’astensione

Pubblicato il 24 aprile 2017 alle 8:59 in America Latina America centrale e Caraibi

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Chiamati alle urne per le presidenziali appena 48 ore dopo la firma degli accordi tra sindacati, collettivi civici e governo centrale, solo il 35% dei guyanesi si è recato alle urne, favorendo i candidati di estrema sinistra ed estrema destra.

I candidati alle presidenziali francesi: Fillon, Hamon, Le Pen, Macron e Mélenchon. Fonte: presidentielle2017

I candidati alle presidenziali francesi: Fillon, Hamon, Le Pen, Macron e Mélenchon. Fonte: presidentielle2017

La giornata elettorale, la prima senza barricate nel territorio sudamericano francese nell’ultimo mese, si è svolta regolarmente. L’accordo raggiunto venerdì 21 aprile tra 37 sigle sindacali e il governo di Parigi ha permesso il ritorno alla normalità di una comunità scossa da quattro settimane di scioperi e blocchi delle attività sia pubbliche che private.

Parigi investirà 2,1 miliardi di euro per l’adeguamento dell’economia della Guyana a quella della Francia metropolitana. A tale cifra si somma il miliardo di euro stanziato dal governo lo scorso 3 aprile e considerato inadeguato da sindacati e collettivi civici locali, che chiedevano un “Piano Marshall per la Guyana”.

La firma dell’accordo prevede la ripresa delle normali attività lavorative a partire da oggi ed ha consentito il normale svolgimento delle elezioni presidenziali nella giornata di domenica. Alle urne, tuttavia, si è espresso il malcontento dei guyanesi.

Il candidato di estrema sinistra Jean-Luc Mélenchon e la rivale del Front National, Marine Le Pen, sono arrivati in testa nella regione ultramarina con il 24,7% e il 24,3% rispettivamente. Nel capoluogo Caienna è stata la leader dell’estrema destra a prevalere con il 25,4% dei voti, seguita dal candidato della France Insoumise con il 23,8%.

Più del voto ai candidati delle forze più estremiste dello spettro politico è stata l’astensione record a sottolineare lo scontento dei cittadini della Guyana. Si è recato alle urne appena il 34,6% degli aventi diritto, contro il 51% di cinque anni fa.

Solo a Saint Martin-Saint Barthélemy l’astensione è stata maggiore che in Guyana, ma nelle due isole caraibiche la bassa partecipazione agli scrutini è una costante ormai da alcuni anni.

I risultati della Guyana contrastano con quelli della Francia nel complesso. Il vincitore dello scrutinio, Emmanuel Macron, che ha ottenuto il 23,7% su scala nazionale, conquista il 18,7% dei voti in Guyana. I candidati delle due forze che si sono alternate al governo della repubblica, il gaullista Fillon e il socialista Hamon hanno ottenuto rispettivamente il 14,5% e il 5,6% delle preferenze in Guyana. Cinque anni fa i rappresentanti degli stessi partiti, Sarkozy e Hollande avevano conquistato rispettivamente il 27,2% e il 41,9%.

Traduzione dallo spagnolo e dal francese e redazione a cura di Italo Cosentino

 

 

 

 

di Redazione

Articoli correlati

America Latina Messico

Il terremoto riavvicina USA e Messico

Il terremoto che ha colpito il Messico ha dato il via alla solidarietà internazionale e riavvicinato Washington al vicino meridionale

America Latina Perù

Crisi politica in Perù: Mercedes Araoz nuova premier

Lo scontro tra il governo del presidente Kuczynski e la maggioranza parlamentare vicina all’ex dittatore Alberto Fujimori sul tema dello studio della teoria gender nelle scuole ha portato alla sfiducia del premier Zavala e alla nomina di un nuovo governo più affine al fujimorism

America Latina America centrale e Caraibi

Puerto Rico: preoccupazione per l’uragano Maria

Dopo l’uragano Irma, la nuova tempesta tropicale che ha colpito le Antille minori e si appresta a colpire Puerto Rico si chiama Maria. Il premier di Dominica salvato in elicottero

America Latina Brasile

Brasile: il ministro dell’agricoltura sotto accusa

Un altro ministro del governo Temer sotto inchiesta: si tratta del titolare dell’agricoltura Blairo Maggi, per reati commessi durante i suoi mandati di governatore del Mato Grosso

Cuba USA e Canada

CUBA: AMBASCIATA USA VERSO LA CHIUSURA?

Il segretario di stato Tillerson ammette che sta valutando la chiusura della sede diplomatica riaperta da appena due anni a causa degli attacchi acustici che hanno causato la sordità di alcuni diplomatici nordamericani

America Latina Venezuela

VENEZUELA: L’AMERICA LATINA DEVE AGIRE

Le potenze regionali devono intervenire diplomaticamente in Venezuela prima che lo facciano attori esterni, scongiurando così quanto accaduto a Cuba nel 1959


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.