Arrestato in Cile stretto collaboratore di Pinochet

Pubblicato il 21 aprile 2017 alle 15:36 in America Latina Cile

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Dopo numerosi anni in cui è riuscito ad evitare un procedimento penale ricorrendo a cavilli legali, l’ex colonello Cristián Labbé, agente dell’intelligence cilena ed ex capo dei servizi di sicurezza di Augusto Pinochet, è stato arrestato lo scorso lunedì 17 aprile a Santiago del Cile per ordine di un giudice.

Labbé, membro della giunta militare di Pinochet dal 1973 al 1990, nonché uno dei suoi più stretti collaboratori, è stato accusato di aver fatto ricorso alla tortura nei confronti di quattro giovani nel 1973 nella località di Panqguipulli, nel sud del Cile.

Ad ordinare il procedimento sarebbe stato il giudice speciale Alvaro Mesa. Labbé è stato trasportato lo scorso lunedì in una struttura militare della città di Temuco, a 680 chilometri a sud della capitale, dove gli sono stati notificati i capi d’imputazione.

Labbé, nel corso di questi anni, era arrivato ad essere sindaco di Providencia, provincia di Santiago, per quattro mandati consecutivi, dal 1996 al 2012.

L'ex colonnello Cristián Labbé. Fonte: pulsamerica.co.uk

L’ex colonnello Cristián Labbé. Fonte: pulsamerica.co.uk

Oltre al caso dei quattro giovani torturati 40 anni fa, il giudice analizzerà altri casi che vedrebbero la partecipazione attiva dello stretto collaboratore di Pinochet durante la dittatura (1973-1990).

Alicia Lira, presidente del Gruppo dei Familiari dei Giustiziati per Motivi Politici, ha dichiarato in una conferenza stampa che la detenzione di Labbè è un gran risultato per le più di 33 mila vittime di tortura per mano della dittatura nel paese sudamericano.

Secondo stime non ufficiali, la giunta militare di Pinochet fu responsabile dell’assassinio di circa 3200 persone, alle quali vanno sommati più di 1300 detenuti desaparecidos.

“La sua libertà costituisce un grave pericolo per la sicurezza della nostra società”, ha affermato il giudice Mesa riferendosi all’imputato, il quale sarà messo sotto processo con le accuse di tortura e violazione dei diritti umani.

 

Traduzione dallo spagnolo a cura di Italo Cosentino

 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.