I fondi del WFP per la crisi umanitaria in Nigeria stanno esaurendo

Pubblicato il 17 aprile 2017 alle 6:51 in Africa Nigeria

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il World Food Programme (WFP), programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite, potrebbe esaurire i fondi per sfamare milioni di persone che rischiano di morire di fame in Nigeria. Il Nord-est del paese è sull’orlo della carestia.

Nel Nord-est della Nigeria circa 4.7 milioni di persone hanno urgente bisogno di cibo per sopravvivere. Molti hanno scarse risorse di cibo e vivono in campi di sfollati a causa dalla minaccia dell’organizzazione terroristica Boko Haram. Lo dichiara il WFP, la più grande organizzazione umanitaria al mondo.

Secondo una fonte che ha preferito rimanere anonima, il WFP, con i fondi che detiene attualmente, può sfamare la popolazione solo fino al 18 maggio 2017. Tuttavia l’organizzazione è quasi certa di riuscire a trovare i fondi sufficienti per arrivare fino alla fine di giugno.

Il portavoce del WFP ha detto che tutte le crisi umanitarie non sono finanziate abbastanza al livello globale. Soprattutto il fondo per la Nigeria è in condizioni pessime: “Noi stiamo cercando di salvare delle vite. Abbiamo bisogno di 207 milioni di dollari per sfamare la popolazione per i prossimi 6 mesi in Nigeria. Al momento il programma hai il 13% dei fondi per il 2017. Dei quattro programmi dei paesi che affrontano le carestie più gravi, la Nigeria è il meno finanziato”.

L’ambasciata americana in Nigeria ha dichiarato che il governo degli Stati Uniti sta lavorando urgentemente per rispondere alla critica situazione umanitaria che sta affliggendo il paese. Altre risorse devono essere trovate per finanziare il programma di alimentazione in Nigeria.

Anche le Nazioni Unite hanno dichiarato di avere bisogno di 1.5 miliardi di dollari per finanziare gli aiuti umanitari durante il 2017 nella regione del Lago Ciad, che comprende Nigeria, Niger, Camerun e Ciad. 457 milioni sono già stati stanziati nel febbraio 2017.

Il conflitto tra il governo della Nigeria e l’organizzazione terroristica Boko Haram, che cerca di instaurare un califfato nel nord-est del paese, è scoppiato nel 2009. Ha provocato la morte di circa 20.000 persone e ha obbligato più di 2 milioni di persone ad abbandonare le proprie case. Anche se l’esercito nigeriano dichiara di aver quasi debellato l’insurrezione, la gran parte del nord-est del paese, soprattutto nello Stato del Borno, è ancora sotto la minaccia di Boko Haram. I kamikaze e gli attacchi armati sono aumentati nella regione dalla fine dello scorso anno.

World Food Programme. Fonte: Wikipedia

World Food Programme. Fonte: Wikipedia

di Redazione

Articoli correlati

Africa Sud Sudan

Sud Sudan: forze leali all’ex vice presidente attaccano forze governative

Combattenti leale all’ex vice presidente del Sud Sudan, Riek Machar, hanno attaccato le forze governative nello Stato di Unità, uccidendo 25 persone, tra cui alcuni civili e donne. Tale territorio è ricco di risorse petrolifere, che sono state abbandonate per via dei continui scontri

Africa Libia

Libia: Salamé presenta l’emendamento dell’accordo di Skhirat

L’inviato dell’ONU in Libia, Ghassan Salamé, a margine della 72esima sessione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York, ha presentato un “piano d’azione”, che propone la modifica dell’accordo di Skhirat

Africa Etiopia

Etiopia: scontri nell’est del Paese hanno prodotto 50,000 sfollati

Gli scontri nell’est dell’Etiopia, ai confini tra la regione di Oromia e di Somali, hanno prodotto circa 50,000 sfollati, i quali sono stati costretti ad abbandonare le proprie case per sottrarsi alle violenze che, nel corso della settimana passata, hanno causato la morte di almeno 50 persone

Immigrazione Niger

Niger: i cacciatori di migranti dell’Europa

Il Niger è sempre stato un Paese di transito per i flussi migratori provenienti dall’Africa occidentale e diretti verso la Libia e l’Algeria. In particolare, l’instabilità politica, sociale ed economica che caratterizza il Paese africano da quasi sessant’anni ha contribuito favorire le attività dei trafficanti di esseri umani

Africa Libia

Libia: chiuso un condotto per il trasporto del petrolio verso Tripoli

Un gruppo armato ha chiuso un condotto di una stazione petrolifera che trasporta il carburante dal porto di Zawiya verso Tripoli, fermando in tal modo il pompaggio di carburante verso la capitale

Africa Egitto

Egitto: Al-Sisi incontra Netanyahu e Abbas

Il presidente egiziano, Abdel Fattah Al-Sisi, ha incontrato il Primo Ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, e il presidente palestinese, Mahmoud Abbas, in due incontri separati a New York per discutere i modi per rilanciare il processo di pace in Medio Oriente


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.