Repressione degli omosessuali in Cecenia: interviene Mosca

Pubblicato il 16 aprile 2017 alle 6:51 in Cecenia Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il Cremlino ha promesso di verificare le informazioni riguardanti il rapimento e le violenze subite da oltre cento omosessuali in Cecenia, dopo le accuse lanciate dal quotidiano Novaja Gazeta che hanno provocato indignazione e proteste in Russia e nei paesi occidentali.

Il Ministero dell’Interno e le forze dell’ordine stanno investigando la veridicità delle notizie riguardanti la persecuzione di persone omosessuali in Cecenia – con queste parole, riportate dall’agenzia di stampa RIAnovosti, Dmitrij Peskov, portavoce del Cremlino, ha reso noto l’intervento diretto di Mosca nella questione. Peskov ha aggiunto che per il momento le indagini sono di competenza del Ministero dell’Interno della Federazione, ma non ha escluso un intervento diretto del Cremlino nel prossimo futuro.

Groznyj, capitale della Cecenia. Fonte: Kudoybook.

Groznyj, capitale della Cecenia. Fonte: Kudoybook.

Lo scorso 1 aprile il quotidiano indipendente Novaja Gazeta aveva riferito la notizia che oltre cento uomini, sospettati di essere omosessuali, erano stati rapiti nelle settimane precedenti, nel quadro di un’operazione di polizia coordinata. Secondo quanto riferito da numerosi testimoni intervistati dalle giornaliste Elena Milašina e Irina Gordienko, le persone fermate sono state torturate o comunque maltrattate e costrette a svelare l’identità di altri omosessuali. Il quotidiano riporta inoltre informazioni concernenti l’omicidio di almeno tre delle persone arrestate, ma afferma che i morti potrebbero essere molti di più.

L’operazione si sarebbe svolta nel quadro di una campagna politico-mediatica per la “purezza sessuale” della Cecenia.

Il portavoce del presidente ceceno Kadyrov, Alvi Karimov, ha definito “false e ridicole” le accuse rivolte all’esecutivo locale da parte del giornale, ma molte ONG che si occupano della difesa dei diritti delle persone LGBT in Russia hanno confermato le accuse. Molti paesi occidentali – tra cui la Francia – hanno chiesto al Cremlino di intervenire per porre termine a rapimenti e omicidi.

Peskov si è mostrato scettico riguardo alle dichiarazioni del presidente ceceno Kadyrov, che aveva affermato: “in Cecenia non ci sono persone dell’orientamento sessuale non tradizionale”. Non sono un esperto in materia – ha dichiarato il portavoce di Putin – ma sono dichiarazioni tutte da verificare.

Nonostante i diritti delle persone LGBT in Russia siano oggetto di una legislazione repressiva, l’intervento diretto delle autorità federali in un ambito (costumi, religione e applicazione dei diritti civili) generalmente riservato alle singole repubbliche, è segnale del malcontento di Mosca nei confronti dell’azione del governo ceceno.

Traduzione dal russo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Articoli correlati

Russia Siria

Siria: la Russia risponde alle accuse USA

Accusata di aver bombardato postazioni degli alleati della coalizione a guida americana, Mosca risponde che l’aviazione ha bombardato ISIS e insinua che le forze filo-americane collaborino con i terroristi

Russia Siria

AVANZATA RUSSA IN SIRIA: PARLA IL COMANDANTE

Aleksandr Lapin, comandante delle operazioni del contingente militare russo in Siria, racconta come per aprirsi la strada verso Deir ez-Zor l’aviazione russa e le forze governative siriane abbiano dovuto cambiare metodo di combattimento

Russia Ucraina

LA RUSSIA RISPONDE ALLE DICHIARAZIONI DI POROSHENKO SUGLI ARMAMENTI NUCLEARI

Le dichiarazioni dell’Ucraina sulle armi nucleari rappresentano “un ultimatum ai paesi occidentali”. Lo ha dichiarato il vice presidente del comitato per le relazioni internazionali della Duma, Ruslan Balbek.

Russia Ucraina

USA: CASCHI BLU ONU AL CONFINE TRA RUSSIA E UCRAINA

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti propone di schierare i caschi blu dell’ONU al confine tra Russia e Ucraina

Russia Venezuela

VENEZUELA: IL RUOLO DELLA RUSSIA

Il crescente sostegno di Mosca al presidente venezuelano Maduro potrebbe riproporre uno scenario simile a quello già vissuto in Siria, ma stavolta alle porte degli Stati Uniti

Russia

LA CRIMEA ACCUSA L’UE DI NON RISPETTARE IL DIRITTO A LIBERE ELEZIONI

Il vice premier della Crimea, Georgy Muradov, ha dichiarato che l’UE non intende riconoscere il diritto a libere elezioni in Crimea


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.