Etiopia: incarcerati dieci ribelli per un attacco che ha causato la morte di nove persone

Pubblicato il 16 aprile 2017 alle 5:06 in Africa Etiopia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Una corte federale dell’Etiopia ha condannato i membri di un gruppo ribelle, chiamato Benishangul Gumuz People’s Liberation Movement (BPLM) per il loro ruolo in un attacco bomba che ha ucciso nove persone, nel tentativo di interrompere i lavori di costruzione della diga di Grand Ethiopian Rennaissance Dam (GERD).

I 10 membri del gruppo, supportato dal governo eritreo, hanno ricevuto pene detentive che vanno da nove anni all’ergastolo. La corte li ha ritenuto colpevoli di aver lanciato una bomba a mano, causando la morte di nove perone e il ferimento di altre quattro. Sono state accusate anche di aver ucciso tre persone impegnate nell’estrazione e per aver dato fuoco a un’ambulanza. “Secondo i capi d’accusa, gli imputati hanno attraversato la regione di Benisciangul-Gumus in Etiopia occidentale passando per il Sudan tre anni fa, dopo aver ricevuto un addestramento militare in Eritrea e aver pianificazione gli attacchi contro qualsiasi veicolo diretto a GERD”, ha spiegato in un articolo il sito web FANA Broadcasting corporate (FBC).

Il Grand Ethiopian Renaissance Dam è un progetto ancora in costruzione di quella che diventerà la diga idroelettrica più grande del continente.

A marzo di quest’anno le autorità etiopi hanno riferito che le forze di sicurezza si sono scontrate contro un contingente di venti ribelli BPLM che stavano tentando di interrompere i lavori. Un funzionario del governo ha rivelato che 13 degli aggressori sono stati uccisi, mentre altri 7 sono fuggiti nel vicino Sudan. L’Etiopia ha accusato l’Eritrea di organizzare questi attacchi.

Benishangul Gumuz People’s Liberation Movement (BPLM) fa parte dell’Alleanza Popolare per la libertà e la democrazia (PAFD), una coalizione governativa anti-etiope, secondo quanto affermato dal PAFD a Oslo, nel mese di ottobre 2015.

Bandiera dell'Etiopia. Fonte: Wikipedia

Bandiera dell’Etiopia. Fonte: Wikipedia

di Redazione

Articoli correlati

Africa Etiopia

Etiopia: scontri nell’est del Paese hanno prodotto 50,000 sfollati

Gli scontri nell’est dell’Etiopia, ai confini tra la regione di Oromia e di Somali, hanno prodotto circa 50,000 sfollati, i quali sono stati costretti ad abbandonare le proprie case per sottrarsi alle violenze che, nel corso della settimana passata, hanno causato la morte di almeno 50 persone

Immigrazione Niger

Niger: i cacciatori di migranti dell’Europa

Il Niger è sempre stato un Paese di transito per i flussi migratori provenienti dall’Africa occidentale e diretti verso la Libia e l’Algeria. In particolare, l’instabilità politica, sociale ed economica che caratterizza il Paese africano da quasi sessant’anni ha contribuito favorire le attività dei trafficanti di esseri umani

Africa Libia

Libia: chiuso un condotto per il trasporto del petrolio verso Tripoli

Un gruppo armato ha chiuso un condotto di una stazione petrolifera che trasporta il carburante dal porto di Zawiya verso Tripoli, fermando in tal modo il pompaggio di carburante verso la capitale

Africa Egitto

Egitto: Al-Sisi incontra Netanyahu e Abbas

Il presidente egiziano, Abdel Fattah Al-Sisi, ha incontrato il Primo Ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, e il presidente palestinese, Mahmoud Abbas, in due incontri separati a New York per discutere i modi per rilanciare il processo di pace in Medio Oriente

Europa Libia

Operazione Sophia: 83 ufficiali della marina libica giunti in Italia

83 ufficiali della Guardia Costiera libica sono giunti in Italia per ricevere un corso di addestramento nell’ambito dell’EUNAVFOR Med Operazione Sophia

Africa Nigeria

Doppio attacco suicida nel nord-est della Nigeria: almeno 15 morti

Due donne si sono fatte esplodere nel villaggio di Mashalari, nell’area di Kodunga, a circa 40 chilometri da Maiduguri, uccidendo almeno 15 persone e ferendone altre 43


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.