Etiopia: incarcerati dieci ribelli per un attacco che ha causato la morte di nove persone

Pubblicato il 16 aprile 2017 alle 5:06 in Africa Etiopia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Una corte federale dell’Etiopia ha condannato i membri di un gruppo ribelle, chiamato Benishangul Gumuz People’s Liberation Movement (BPLM) per il loro ruolo in un attacco bomba che ha ucciso nove persone, nel tentativo di interrompere i lavori di costruzione della diga di Grand Ethiopian Rennaissance Dam (GERD).

I 10 membri del gruppo, supportato dal governo eritreo, hanno ricevuto pene detentive che vanno da nove anni all’ergastolo. La corte li ha ritenuto colpevoli di aver lanciato una bomba a mano, causando la morte di nove perone e il ferimento di altre quattro. Sono state accusate anche di aver ucciso tre persone impegnate nell’estrazione e per aver dato fuoco a un’ambulanza. “Secondo i capi d’accusa, gli imputati hanno attraversato la regione di Benisciangul-Gumus in Etiopia occidentale passando per il Sudan tre anni fa, dopo aver ricevuto un addestramento militare in Eritrea e aver pianificazione gli attacchi contro qualsiasi veicolo diretto a GERD”, ha spiegato in un articolo il sito web FANA Broadcasting corporate (FBC).

Il Grand Ethiopian Renaissance Dam è un progetto ancora in costruzione di quella che diventerà la diga idroelettrica più grande del continente.

A marzo di quest’anno le autorità etiopi hanno riferito che le forze di sicurezza si sono scontrate contro un contingente di venti ribelli BPLM che stavano tentando di interrompere i lavori. Un funzionario del governo ha rivelato che 13 degli aggressori sono stati uccisi, mentre altri 7 sono fuggiti nel vicino Sudan. L’Etiopia ha accusato l’Eritrea di organizzare questi attacchi.

Benishangul Gumuz People’s Liberation Movement (BPLM) fa parte dell’Alleanza Popolare per la libertà e la democrazia (PAFD), una coalizione governativa anti-etiope, secondo quanto affermato dal PAFD a Oslo, nel mese di ottobre 2015.

Bandiera dell'Etiopia. Fonte: Wikipedia

Bandiera dell’Etiopia. Fonte: Wikipedia

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.