Oledotto Myanmar-Cina sarà operativo, accordo siglato

Pubblicato il 14 aprile 2017 alle 7:03 in Asia Myanmar

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il presidente del Myanmar U Htin Kyaw, in visita in Cina assiste insieme a Xi Jinping alla sigla dell’accordo per l’oleodotto tra i due paesi.

Myanmar e Cina hanno siglato un accordo per un oleodotto per il trasporto di petrolio greggio alla presenza dei due capi di stato, lo scorso 10 aprile, secondo il comunicato stampa della Southeast Asia Crude Oil Pipeline (SEAOP), responsabile per la realizzazione dell’oleodotto.

“I progetti per il gasdotto e l’0leodotto sono delle operazioni congiunte intraprese dal Myanmar e dalla Cina sotto l’ediga dell’iniziativa Nuova Via della Seta (One Belt One Road) del governo cinese”, afferma il comunicato stampa.

Il presidente del Myanmar, U Htin Kyaw, ha incontrato il presidente Xi Jinping a Pechino il 12 aprile, durante la sua visita di 6 giorni in Cina. Durante i colloqui bilaterali i due leader hanno ribadito la partnership che lega i due paesi. Xi Jinping ha dichiarato di voler migliorare la cooperazione con il Myanmar e ha espresso il suo apprezzamento per la partecipazione del Myanmar all’iniziativa Nuova Via della Seta. Essere parte dell’iniziativa significa, secondo Xi Jinping, avere maggiori opportunità di avviare progetti di cooperazione nelle infrastrutture, nell’energia, nell’agricoltura e anche nel campo finanziario. Il presidente della Cina auspica la creazione di una zona di cooperazione economica di confine tra i due paesi, sebbene l’area interessata da un tale progetto sia spesso interessata da insurrezioni e rivolte. Al termine dell’incontro bilaterale, i due leader hanno siglato diversi accordi di cooperazione bilaterale in materia di economia, sanità, istruzione, trasporti, cultura e risorse forestali.

Il progetto per la costruzione dell’oleodotto tra i due paesi prevede la creazione di un condotto di 771 km di lunghezza che si estende dalla Made Island, nel Myanmar occidentale, fino alla provincia dello Yunnan, nella Cina nord-occidentale. L’oleodotto attraversa tutta la zona centrale del Myanmar e segue un percorso parallelo a quello del gasdotto già completato e operativo dal 2014.

La China National Petroleum Corporation (CNPC) – azienda controllata statale che si occupa dei progetti petroliferi – ha siglato il primo accordo per l’oleodotto con il governo del Myanmar nel 2008 e la costruzione è stata finalizzata nel 2015. L’accordo prevede che il Myanmar ottenga un compenso per il transito di 13,81 milioni di dollari annui per l’oleodotto e il gasdotto, più una tassa di transito di 1$ per ogni tonnellata di petrolio greggio. La concessione ha una durata di 30 anni. Nel gennaio 2015 è stato effettuato un test di operatività dell’oleodotto, ma l’apertura effettiva è stata ritardata per l’impossibilità delle due parti di raggiungere un accordo sui termini commerciali.

L’investimento totale dell’oleodotto è di 2,45 miliardi di dollari e la CNPC possiede il 50,9% del progetto, la restante parte appartiene al Myanmar. L’oleodotto è progettato per trasportare 22 milioni di tonnellate di petrolio greggio annue.

Xi Jinping e U Htin Kyaw hanno assistito alla sigla dell’accordo che permetterà all’oleodotto di entrare a regime. Secondo la AFP, i due leader avrebbero anche parlato della diga di Myitson, un progetto da 3,6 miliardi di dollari sostenuto da Pechino, ma fermo dal 2011 a causa di proteste.

I rapporti bilaterali tra Cina e Myanmar sono stati instaurati nel 1950 e festeggiano quest’anno il 67esimo anniversario. I due paesi, confinanti, hanno buoni rapporti diplomatici, sebbene si trovino spesso a dover gestire rivolte e flussi di migrazione dal Myanmar verso la Cina.

Consultazione e redazione delle fonti cinesi a cura di Ilaria Tipà

Bandiera del Myanmar, Fonte: Wikipedia Commons

Bandiera del Myanmar, Fonte: Wikipedia Commons

di Redazione

Articoli correlati

Asia Myanmar

Bangladesh: arriva l’esercito per aiutare i Rohingya

I profughi Rohingya devono affrontare le piogge monsoniche, il Bangladesh invia l’esercito per aiutare a gestire la crisi

Asia Corea del Nord

Segretario Generale Onu: Soluzione Pacifica per la Corea del Nord

Il Segretario Guterres ha dichiarato che il mondo teme la guerra nucleare in Corea del Nord e chiesto una risoluzione politica alle tensioni crescenti. Donald Trump ha ribadito la posizione Usa e minacciato di distruggere Pyongyang

Asia Corea del Nord

Corea del Nord: Cina e Russia chiedono risoluzione pacifica

I ministri degli esteri di Cina e Russia si sono incontrati a New York e hanno richiesto una risoluzione pacifica della questione nordcoreana

Asia Myanmar

Malesia: Myanmar è la nuova meta per il jihad

L’Isis si aggiunge ad Al Qaeda nella chiamata alle armi per i musulmani perché difendano l’etnia minoritaria Rohingya di fede islamica perseguitata in Myanmar

Afghanistan Asia

Le autorità afghane vorrebbero addestrare e armare 20,000 civili

Le autorità afghane stanno valutando la possibilità di addestrare e armare 20,000 civili per aumentare le operazioni contro i talebani e l’ISIS

Asia Myanmar

Myanmar: Aung San Suu-kyi chiede aiuto per i Rohingya

La leader del Myanmar ha parlato per la prima volta della crisi umanitaria dei Rohingya e chiesto l’aiuto della comunità internazionale


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.