Mattis: senza dubbio il regime siriano è responsabile dell’attacco chimico

Pubblicato il 12 aprile 2017 alle 12:55 in USA e Canada

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il segretario della difesa americano, James Mattis, dopo aver personalmente esaminato il materiale dell’intelligence, ha affermato che l’attacco chimico del 4 aprile contro Khan Sheikhoun, in Siria, senza dubbio, è stato opera del regime siriano di Bassar al-Assad.

“In risposta all’attacco, il nostro governo ha iniziato un processo diretto dal National Security Council, che elaborerà diverse opzioni diplomatiche e militari da presentare al presidente americano”, ha spiegato Mattis, aggiungendo che, il regime siriano ha ripetutamente effettuato violazioni del diritto internazionale, commettendo molti crimini.  Con riferimento all’attacco contro la base siriana di Sharyat, il 7 aprile, il quale ha distrutto diversi armamenti militari, il segretario della difesa ha spiegato che: “Secondo il governo è stata necessaria una risposta militare per scoraggiare Assad ad utilizzare nuovamente armi chimiche, inoltre, ci siamo assicurati che gli ufficiali russi presenti a Sharyat non venissero coinvolti nell’attacco”. A suo avviso, la mossa americana ha dimostrato che gli USA non rimarranno passivi di fronte alle violazioni del diritto internazionale da parte della Siria. Durante una conferenza con i giornalisti, Mattis ha sottolineato che la sconfitta dell’ISIS in Siria e in Iraq rimane la priorità della Casa Bianca, spiegando che “la strategia americana non è cambiata”.

Intanto, oggi, il segretario di Stato, Rex Tillerson, incontrerà i vertici russi a Mosca, tra cui, probabilmente, il presidente Vladimir Putin. Il governo siriano e l’alleato russo hanno negato la propria responsabilità; Putin, ieri, poche ore prima l’arrivo di Tillerson a Mosca, ha affermato che, a suo avviso, gli USA stanno pianificando nuovi attacchi in Siria, senza offrire alcuna prova che dimostrasse la veridicità di tale affermazione. Dall’altra parte, Washington ha riferito che la Russia e la Siria stanno cercando di “confondere la comunità internazionale”.

James Mattis, Segretario alla Difesa degli Usa del governo Trump

James Mattis, Segretario alla Difesa degli Usa del governo Trump

di Redazione

Articoli correlati

Nigeria USA e Canada

Incontro Buhari-Trump: Nigeria e USA rafforzano i legami

Il presidente nigeriano, Muhammadu Buhari, ha incontrato Donald Trump a margine della 72esima riunione dell’Assemblea Generale dell’Onu, a New York. Si è trattato del primo meeting tra i due leader, i quali avevano colloquiato telefonicamente lo scorso febbraio

Europa Yemen

Italia: 1 milione di euro allo Yemen per combattere la malnutrizione dei bambini

Il ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Angelino Alfano, ha annunciato che l’Italia donerà più di un milione di euro allo Yemen, per aiutarlo a combattere la malnutrizione dei bambini

Africa Camerun

Camerun: giornalisti come terroristi

Secondo quanto riferito da alcuni osservatori internazionali, le autorità del Camerun stanno applicando la legge anti-terrorismo per arrestare e minacciare i giornalisti, creando un clima di paura in tutto il Paese

Afghanistan Asia

L’Afghanistan guarda al Pakistan

Alcuni ufficiali afghani sono convinti che il Pakistan possa trasformarsi in un buon alleato regionale, attraverso l’adozione di un nuovo approccio verso l’Afghanistan

Africa Sud Sudan

Sud Sudan: forze leali all’ex vice presidente attaccano forze governative

Combattenti leali all’ex vice presidente del Sud Sudan, Riek Machar, hanno attaccato le forze governative nello Stato di Unità, uccidendo 25 persone, tra cui alcuni civili e donne. Tale territorio è ricco di risorse petrolifere, che sono state abbandonate per via dei continui scontri

Europa

Attentato alla metro di Londra: arrestato il sesto sospettato

Ammontano a 6 gli individui trattenuti dalla polizia sospettati di essere legati all’esplosione nella metro di Londra del 15 settembre


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.