Mattarella a Mosca: Siria, Libia e relazioni Russia-UE al centro dell’agenda

Pubblicato il 12 aprile 2017 alle 6:38 in Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il Presidente della Repubblica, che arriva a Mosca al culmine della tensione tra Russia e Stati Uniti, è il primo capo di stato occidentale ricevuto al Cremlino dopo l’attentato di San Pietroburgo. 

Sergio Mattarella è a Mosca su invito del presidente Vladimir Putin. La visita ufficiale, programmata da tempo, cade in un momento di particolare tensione internazionale dopo l’attacco statunitense alla forze del Presidente siriano Assad che ha condotto a una nuova escalation in Medio Oriente.

Mattarella e Medvedev. Fonte: government.ru

Mattarella e Medvedev. Fonte: government.ru

Il Cremlino informa che i due capi di stato hanno discusso temi chiave delle relazioni bilaterali e questioni di attualità dell’agenda internazionale. Oltre alla questione siriana, le relazioni tra Mosca e Bruxelles e la situazione in Libia, dove Mosca e Roma perseguono obiettivi differenti.

Putin ha lamentato una diminuzione del volume commerciale con l’Italia negli ultimi anni, anche se le statistiche per l’anno in corso sembrano segnalare un’inversione di tendenza

Nel corso del vertice con il premier Medvedev, Mattarella ha sottolineato l’importanza della partnership con la Russia e ha ricordato come i solidi rapporti tra Mosca e Roma rimangano anche in questo frangente di difficoltà.

Dmitrij Medvedev ha ringraziato l’Italia per la solidarietà espressa in seguito all’attentato di San Pietroburgo dello scorso 3 aprile in cui hanno perso la vita 14 persone. Noi attribuiamo grande importanza alle relazioni con l’Italia – ha dichiarato Medvedev secondo quanto riferisce in una nota il governo russo – le nostre relazioni sono buone, siamo ottimi partner, nonostante la fase di difficoltà che attraversano le relazioni con l’Unione Europea. Noi, ovviamente, siamo pronti a riallacciare le relazioni con tutti gli stati membri.

Medvedev ha inoltre espresso la speranza che la visita di Mattarella contribuisca a migliorare i rapporti tra Roma e Mosca ed ha sottolineato come la cooperazione in campo energetico, industriale, commerciale e culturale si mantenga florida nonostante le sanzioni.

Il Presidente Mattarella, che è successivamente stato ricevuto da Vladimir Putin al Cremlino, ha ricordato come sia comune interesse superare le difficoltà attuali. “Noi ci adoperiamo perché ci si renda conto da ogni parte che l’interesse comune supera le difficoltà, trovare soluzioni per risolvere e riprendere così l’espansione di tutte le potenzialità che la nostra lunga amicizia tra Russia e Italia e Russia e Unione Europea può comportare” ha dichiarato.

Traduzione dal russo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.