Trump ha ringraziato i comandanti delle squadre che hanno effettuato il lancio contro Sharyat

Pubblicato il 11 aprile 2017 alle 13:19 in USA e Canada

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il presidente americano, Donald Trump, ha fatto le proprie congratulazioni agli ufficiali comandanti delle due navi da guerra da cui sono stati lanciati i missili contro la base militare siriana di Sharyat, il 6 aprile.

Trump ha ringraziato il comandante Andria Slough, dello USS Porter, e il comandante Russel Caldwell, dello USS Ross, insieme ai loro equipaggi, per la precisione e l’efficacia delle operazioni contro la base siriana da cui, pochi giorni prima, si presume sia stato effettuato l’attacco chimico contro i ribelli di Khan Sheikhoun.

Durante una conferenza al Pentagono, il portavoce dell’esercito, il colonnello John Thomas, ha spiegato che 59 missili sono stati lanciati contro Sharyat, colpendo aerei, riserve di petrolio e di munizioni, e sistemi di difesa aerea e radar. “Non abbiamo distrutto la pista di decollo e atterraggio, non volevamo rendere la base militare inutilizzabile”, ha spiegato Thomas, aggiungendo che “l’intenzione era quella di danneggiare la capacità delle autorità siriane di compiere attacchi chimici e di lanciare armi chimiche dalla base militare nel breve periodo”. Inoltre, il portavoce ha specificato di credere che nessuna area in cui operavano i soldati russi sia stata colpita, visto che gli USA non volevano ferire il personale.

Intanto, l’8 aprile, sempre in Siria, le forze della coalizione internazionale a guida USA, insieme alle truppe dei ribelli siriani, hanno sventato un attentato dell’ISIS contro una base militare nel sud del paese, al confine con la Giordania, nell’area di Tanf. I jihadisti hanno iniziato l’offensiva scagliandosi con autobombe, mentre 20 o 30 militanti con indosso cinture esplosive hanno attaccato contemporaneamente. Tuttavia, tutti i terroristi sono stati neutralizzati grazie al fuoco e ai raid della coalizione e delle forze alleate.

Domani, Tillerson sarà in visita a Mosca per discutere con le autorità russe della situazione siriana. Alcuni ufficiali dello State Department hanno riferito alla CNN che, a loro avviso, la strategia del segretario di Stato mirerà a sottolineare l’appoggio russo alle mosse di Assad, in modo da convincere il presidente Vladimir Putin a concordare una soluzione per porre fine al conflitto siriano.

Donald Trump, 45esimo presidente degli USA. Fonte: Flickr

Donald Trump, 45esimo presidente degli USA. Fonte: Flickr

di Redazione

Articoli correlati

Nigeria USA e Canada

Incontro Buhari-Trump: Nigeria e USA rafforzano i legami

Il presidente nigeriano, Muhammadu Buhari, ha incontrato Donald Trump a margine della 72esima riunione dell’Assemblea Generale dell’Onu, a New York. Si è trattato del primo meeting tra i due leader, i quali avevano colloquiato telefonicamente lo scorso febbraio

Iran Medio Oriente

L’Iran presenta un nuovo missile balistico

L’Iran ha svelato un nuovo missile balistico a lungo-raggio. La notizia giunge dopo lo scambio di battute tra Trump e Rouhani in merito all’accordo sul nucleare

Europa Yemen

Italia: 1 milione di euro allo Yemen per combattere la malnutrizione dei bambini

Il ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Angelino Alfano, ha annunciato che l’Italia donerà più di un milione di euro allo Yemen, per aiutarlo a combattere la malnutrizione dei bambini

Africa Camerun

Camerun: giornalisti come terroristi

Secondo quanto riferito da alcuni osservatori internazionali, le autorità del Camerun stanno applicando la legge anti-terrorismo per arrestare e minacciare i giornalisti, creando un clima di paura in tutto il Paese

Corea del Nord USA e Canada

Trump ordina l’aumento delle sanzioni economiche contro Pyongyang

Donald Trump ha ordinato l’inasprimento delle sanzioni economiche contro la Corea del Nord, per aumentare gli sforzi volti a isolare il regime di Kim Jong-un

Afghanistan Asia

L’Afghanistan guarda al Pakistan

Alcuni ufficiali afghani sono convinti che il Pakistan possa trasformarsi in un buon alleato regionale, attraverso l’adozione di un nuovo approccio verso l’Afghanistan


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.