Presidente del Congo nomina il Primo Ministro Bruno Tshibala

Pubblicato il 9 aprile 2017 alle 6:39 in Africa Congo

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il Presidente Joseph Kabila ha nominato Primo Ministro Bruno Tshibala, ex membro del partito di opposizione. La mossa ha diviso l’opposizione di governo dopo il fallimento dell’accordo per far rassegnare le dimissioni al presidente Kabila.

Il Congo sta vivendo una crisi politica dopo che il presidente Joseph Kabila ha rifiutato di lasciare il potere allo scadere del suo secondo mandato nel dicembre 2016. L’opposizione di governo ha stipulato un accordo per cui Kabila sarebbe rimasto al potere fino alle prossime elezioni programmate entro la fine del 2017.

La decisione di nominare Bruno Tshibala come Primo Ministro in un nuovo governo di transizione non rispetta gli accordi stipulati con l’opposizione che prevedevano la nomina di un primo ministro scelto tra l’opposizione.

Tshibala è stato espulso dall’Unione per la Democrazia e il Progresso Sociale (UDPS) lo scorso mese dopo che lui e altri leader dell’opposizione hanno contestato la designazione del successore del leader del partito, Etienne Tshisekedi, morto lo scorso febbraio. Il figlio, Felix Tshisekedi, che ha succeduto suo padre ha dichiarato che Kabila ha violato l’accordo stipulato a dicembre non nominando un candidato scelto dall’alleanza: “La nomina di Tshibala è una violazione degli accordi”.

Inoltre la nomina di Tshibala ha provocato l’escalation delle tensioni riguardo la manifestazione di massa organizzata per il prossimo lunedì nella capitale Kinshasa dall’UDPS in segno di protesta contro il fallimento degli accordi.

Gli oppositori, che hanno governato il Congo da quando il padre di Kabila è stato assassinato nel 2001, sospettano che il presidente sia intenzionato a cancellare le elezioni per indire un referendum per istituire un terzo mandato, come è successo nei paesi confinanti in Ruanda e nella Repubblica del Congo.

Kabila nega le accuse e dichiara di voler evitare le elezioni per contenere i costi del bilancio statale. Anche l’anno scorso dopo la cancellazione delle elezioni sono scoppiate violente insurrezioni in cui hanno perso la vita 40 civili negli scontri con le forze armate. La violenza delle milizie armate è aumentata negli ultimi mesi sollevando la paura dello scoppio di una guerra civile.

Joseph Kabila Presidente della Repubblica Democratica del Congo. Fonte: Flickr

Joseph Kabila Presidente della Repubblica Democratica del Congo. Fonte: Flickr

di Redazione

Articoli correlati

Africa Libia

Libia: Salamé presenta l’emendamento dell’accordo di Skhirat

L’inviato dell’ONU in Libia, Ghassan Salamé, a margine della 72esima sessione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York, ha presentato un “piano d’azione”, che propone la modifica dell’accordo di Skhirat

Africa Etiopia

Etiopia: scontri nell’est del Paese hanno prodotto 50,000 sfollati

Gli scontri nell’est dell’Etiopia, ai confini tra la regione di Oromia e di Somali, hanno prodotto circa 50,000 sfollati, i quali sono stati costretti ad abbandonare le proprie case per sottrarsi alle violenze che, nel corso della settimana passata, hanno causato la morte di almeno 50 persone

Immigrazione Niger

Niger: i cacciatori di migranti dell’Europa

Il Niger è sempre stato un Paese di transito per i flussi migratori provenienti dall’Africa occidentale e diretti verso la Libia e l’Algeria. In particolare, l’instabilità politica, sociale ed economica che caratterizza il Paese africano da quasi sessant’anni ha contribuito favorire le attività dei trafficanti di esseri umani

Africa Libia

Libia: chiuso un condotto per il trasporto del petrolio verso Tripoli

Un gruppo armato ha chiuso un condotto di una stazione petrolifera che trasporta il carburante dal porto di Zawiya verso Tripoli, fermando in tal modo il pompaggio di carburante verso la capitale

Africa Egitto

Egitto: Al-Sisi incontra Netanyahu e Abbas

Il presidente egiziano, Abdel Fattah Al-Sisi, ha incontrato il Primo Ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, e il presidente palestinese, Mahmoud Abbas, in due incontri separati a New York per discutere i modi per rilanciare il processo di pace in Medio Oriente

Europa Libia

Operazione Sophia: 83 ufficiali della marina libica giunti in Italia

83 ufficiali della Guardia Costiera libica sono giunti in Italia per ricevere un corso di addestramento nell’ambito dell’EUNAVFOR Med Operazione Sophia


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.