Consiglio di Sicurezza ONU sulla pace in Mali

Pubblicato il 8 aprile 2017 alle 6:47 in Africa Mali

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il nuovo capo delle operazioni di peacekeeping delle Nazioni Unite, Jean-Pierre Lacroix, ha esposto al Consiglio di Sicurezza ONU la critica situazione del Mali e ha esortato le parti coinvolte nel conflitto a impegnarsi per accelerare l’implementazione degli accordi di pace stipulati nel 2015.

Il nuovo capo delle operazioni di peacekeeping, Lacroix e l’ex capo, Hervé Ladsous, sono partiti per il Mali per incontrare il Presidente, Ibrahim Boubacar Keita, che sta cercando di unificare il paese dopo la ribellione, il colpo di stato e le insurrezioni che minacciano la sicurezza nel Mali.

Gli accordi, raggiunti faticosamente dopo mesi di controversie tra le fazioni pro-governative e anti-governative del gruppo tuareg, hanno subito molteplici ritardi nella loro implementazione.

Lacroix ha dichiarato al Consiglio di Sicurezza che: “Nei mesi scorsi c’è stato un progresso positivo nell’implementazione degli accordi di pace”.

Gli accordi di pace promossi dall’ONU nel 2015 prevedevano la formazione di una forza congiunta che comprendeva l’esercito maliano, i combattenti del gruppo pro-governativo e alcuni combattenti tuareg con lo scopo comune di contrastare i militanti jihadisti presenti nella regione. L’autorità composita si è reinsediata a Kidal e a Gao. Inoltre è stata annunciata l’installazione delle autorità provvisorie anche a Taoudenni e a Timbuktu programmata per il 13 aprile.

Questi sviluppi mostrano il graduale ritorno delle autorità dello Stato nel nord del Mali sotto il controllo di un accordo provvisorio. La missione MINUSMA è impegnata a realizzare in maniera concreta i risultati raggiunti sul territorio.

La sicurezza del paese rimane complicata data la creazione di una nuova alleanza tra i due gruppi terroristici più attivi nel nord del Mali, tra cui al-Qaeda. Anche lo Stato Islamico si sta espandendo nella zona del Sahel.

Lacroix ha inoltre sottolineato la necessità di scoraggiare il crimine organizzato transnazionale, in particolare il Consiglio di Sicurezza dovrebbe considerare l’istituzione di sanzioni contro gli “spoiler della pace”, coloro che sostengono i gruppi terroristici dall’estero.

Infine, Lacroix ha assicurato che, date le circostanze politiche e di sicurezza, la missione multidimensionale integrata delle Nazioni Unite per la stabilizzazione del Mali (MINUSMA) ha il compito di gestire le priorità per fornire il miglior supporto prima della scadenza del mandato attuale, e ha aggiunto, che il suo dipartimento tornerà difronte al Consiglio per qualsiasi adeguamento necessario prima del 30 giugno 2017, data di scadenza della missione ONU.

La guerra in Mali è scoppiata nel marzo 2012 a seguito di un colpo di Stato guidato dal Movimento Nazionale di Liberazione dell’Azawad. Nel gennaio 2013 l’ONU è intervenuto con la missione MINUSMA per ristabilire la sovranità del Mali sui territori del Sahara settentrionale. Nel 2015 a seguito degli accordi di pace e il cessate il fuoco la guerra finì. Tuttavia la città di Gao, dove si è insediata la prima pattuglia congiunta, è stata protagonista dell’attacco terroristico più sanguinoso nella storia del paese dove hanno perso la vita circa 77 persone nel gennaio 2017.

Consiglio di Sicurezza ONU. Fonte: www.un.org

Consiglio di Sicurezza ONU. Fonte: www.un.org

di Redazione

Articoli correlati

Africa Libia

Libia: Salamé presenta l’emendamento dell’accordo di Skhirat

L’inviato dell’ONU in Libia, Ghassan Salamé, a margine della 72esima sessione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York, ha presentato un “piano d’azione”, che propone la modifica dell’accordo di Skhirat

Africa Etiopia

Etiopia: scontri nell’est del Paese hanno prodotto 50,000 sfollati

Gli scontri nell’est dell’Etiopia, ai confini tra la regione di Oromia e di Somali, hanno prodotto circa 50,000 sfollati, i quali sono stati costretti ad abbandonare le proprie case per sottrarsi alle violenze che, nel corso della settimana passata, hanno causato la morte di almeno 50 persone

Immigrazione Niger

Niger: i cacciatori di migranti dell’Europa

Il Niger è sempre stato un Paese di transito per i flussi migratori provenienti dall’Africa occidentale e diretti verso la Libia e l’Algeria. In particolare, l’instabilità politica, sociale ed economica che caratterizza il Paese africano da quasi sessant’anni ha contribuito favorire le attività dei trafficanti di esseri umani

Africa Libia

Libia: chiuso un condotto per il trasporto del petrolio verso Tripoli

Un gruppo armato ha chiuso un condotto di una stazione petrolifera che trasporta il carburante dal porto di Zawiya verso Tripoli, fermando in tal modo il pompaggio di carburante verso la capitale

Africa Egitto

Egitto: Al-Sisi incontra Netanyahu e Abbas

Il presidente egiziano, Abdel Fattah Al-Sisi, ha incontrato il Primo Ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, e il presidente palestinese, Mahmoud Abbas, in due incontri separati a New York per discutere i modi per rilanciare il processo di pace in Medio Oriente

Europa Libia

Operazione Sophia: 83 ufficiali della marina libica giunti in Italia

83 ufficiali della Guardia Costiera libica sono giunti in Italia per ricevere un corso di addestramento nell’ambito dell’EUNAVFOR Med Operazione Sophia


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.