Una delegazione eritrea visita il Sud Sudan

Pubblicato il 6 aprile 2017 alle 7:03 in Africa Eritrea

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La delegazione dell’Eritrea composta dal ministro degli esteri, Osman Saleh, e dal consigliere del presidente della Repubblica, Yemane Ghebreab, ha incontrato, a Juba, capitale del Sud Sudan, il presidente del paese, Salva Kiir Myardit.

La delegazione ha trasmesso al presidente Kiir un messaggio del presidente Isaias Afwerki che esprimeva solidarietà e sostegno dell’Eritrea per il popolo e il governo del Sud Sudan.

Il presidente del Sud Sudan ha dichiarato che il suo governo è pronto a continuare e ad incrementare la sua lunga collaborazione con l’Eritrea. Egli ha informato la delegazione sugli sviluppi in Sud Sudan e ha ribadito la determinazione del suo governo nel ristabilire pace, coesione nazionale e ricostruzione dell’economia.

Il ministro degli esteri, Osman Saleh, e la sua delegazione hanno anche incontrato il vice presidente, Taban Deng Gai, per discutere con lui sui settori prioritari della cooperazione bilaterale.

In precedenza la delegazione ha tenuto un incontro con la comunità eritrea a Juba e li informati sugli sviluppi nel proprio paese. La delegazione eritrea è in Sud Sudan per una visita di quattro giorni, cominciata lunedì 3 aprile.

Isaias Afwerki è l’attuale presidente dell’Eritrea. Egli ricopre questa posizione dal 1993, anno in cui il paese ottenne l’indipendenza. Ha guidato il Fronte di Liberazione Popolare Eritreo (EPLF), nato nel 1970, e raggiunse la vittoria nel maggio 1991, mettendo così fine a 30 anni di guerra per l’indipendenza. L’EPLF ha adottato un nuovo nome non appena divenne un partito politico, ovvero Fronte Popolare per la Democrazia e la Giustizia (PFDJ) per riflettere le sue nuove responsabilità. Il PFDJ, con Isaias come suo leader, rimane l’unico partito di governo dell’Eritrea. Ad oggi il partito nella’assemblea nazionale ha 75 seggi su 150.

Bandiera dell'Eritrea. Fonte: Wikipedia

Bandiera dell’Eritrea. Fonte: Wikipedia

di Redazione

Articoli correlati

Africa Libia

Libia: Salamé presenta l’emendamento dell’accordo di Skhirat

L’inviato dell’ONU in Libia, Ghassan Salamé, a margine della 72esima sessione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York, ha presentato un “piano d’azione”, che propone la modifica dell’accordo di Skhirat

Africa Etiopia

Etiopia: scontri nell’est del Paese hanno prodotto 50,000 sfollati

Gli scontri nell’est dell’Etiopia, ai confini tra la regione di Oromia e di Somali, hanno prodotto circa 50,000 sfollati, i quali sono stati costretti ad abbandonare le proprie case per sottrarsi alle violenze che, nel corso della settimana passata, hanno causato la morte di almeno 50 persone

Immigrazione Niger

Niger: i cacciatori di migranti dell’Europa

Il Niger è sempre stato un Paese di transito per i flussi migratori provenienti dall’Africa occidentale e diretti verso la Libia e l’Algeria. In particolare, l’instabilità politica, sociale ed economica che caratterizza il Paese africano da quasi sessant’anni ha contribuito favorire le attività dei trafficanti di esseri umani

Africa Libia

Libia: chiuso un condotto per il trasporto del petrolio verso Tripoli

Un gruppo armato ha chiuso un condotto di una stazione petrolifera che trasporta il carburante dal porto di Zawiya verso Tripoli, fermando in tal modo il pompaggio di carburante verso la capitale

Africa Egitto

Egitto: Al-Sisi incontra Netanyahu e Abbas

Il presidente egiziano, Abdel Fattah Al-Sisi, ha incontrato il Primo Ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, e il presidente palestinese, Mahmoud Abbas, in due incontri separati a New York per discutere i modi per rilanciare il processo di pace in Medio Oriente

Europa Libia

Operazione Sophia: 83 ufficiali della marina libica giunti in Italia

83 ufficiali della Guardia Costiera libica sono giunti in Italia per ricevere un corso di addestramento nell’ambito dell’EUNAVFOR Med Operazione Sophia


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.