Incontro tra Saad al-Hariri e Angela Merkel a Berlino

Pubblicato il 5 aprile 2017 alle 9:41 in Libano Medio Oriente

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il primo ministro libanese, Saad al-Hariri ha incontrato la cancelliera tedesca Angela Merkel, a Berlino.

Durante il meeting, avvenuto ieri, i due leaders hanno discusso sulla crisi dei rifugiati siriani e hanno deciso di aumentare le relazioni bilaterali tra il Libano e la Germania. Nel corso di una conferenza stampa congiunta, la Merkel ha riferito: “Il Libano ospita più di 1 milione di rifugiati siriani, potete immaginare la dimensione di questo fardello in confronto all’estensione del territorio dello Stato e della sua popolazione”. Per questi motivi, la cancelliera ha porto il proprio rispetto al Libano ed ha ricordato che la Germania ha donato al paese 286 milioni di euro, nel 2016, per aiutare le autorità libanesi ad affrontare la crisi.

Dall’altra parte, Hariri ha spiegato che la popolazione libanese è composta da 4 milioni di cittadini, i migranti siriani ospitati sono circa 1,2 milioni e i rifugiati palestinesi ammontano a 500,000. Questi numeri stanno danneggiando l’economia statale, le infrastrutture ed il tessuto sociale del paese. Il leader libanese ha riferito che rivelerà i piani per la stabilizzazione e lo sviluppo del Libano oggi, nel corso della conferenza a Bruxelles sul conflitto siriano.

Pochi giorni fa, Hariri aveva annunciato che il proprio paese era sull’orlo di un punto di rottura per via delle tensioni tra le comunità locali ed i rifugiati siriani presenti all’interno dei suoi confini, le quali potrebbero degenerare in un conflitto civile. Per questi motivi, Hariri, oggi a Bruxelles, chiederà il supporto finanziario degli altri Stati per cercare di risollevare l’economia libanese e migliorare le infrastrutture locali. “Farò in modo che il mondo capisca che il nostro paese sta andando incontro ad una grave crisi”, ha spiegato il primo ministro.

Il primo ministro libanese, Saad al-Hariri. Fonte: YouTube

Il primo ministro libanese, Saad al-Hariri. Fonte: YouTube

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.