Pakistan, 20 Vittime in un santuario

Pubblicato il 3 aprile 2017 alle 9:00 in Asia Pakistan

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Un custode e alter quattro persone sono state arrestate dopo aver ucciso 20 persone in un santuario musulmano, secondo quanto riportato dalle autorità del Pakistan.

L’attentato è avvenuto nella città di Sargodha, nella provincia di Punjab, domenica 2 aprile, secondo quanto riportato dal vice commissario generale della polizia cittadina, Liaqat Chattah. Il custode avrebbe drogato e legato le vittime prima che venissero uccise nel santuario Sufi noto come Ali Ahmad Gunnar Shrine, ha spiegato Chattah. I devoti sono stati attaccati con mazze e coltelli prima dell’arrivo della polizia allertata da due uomini e due donne che hanno lasciato la scena in tempo. Il custode, Waheed, è stato arrestato insieme ad altri quattro sospettati e la polizia ritiene che l’uomo fosse mentalmente instabile.

Santuari dedicati a diversi santi sono diffusi in tutto il Pakistan e sono considerati luoghi di meditazione e di rifugio dove i senzatetto vengono aiutati. Normalmente, i custodi dei santuari si occupano della manutenzione del luogo, tenendo la zona pulita e gestendo eventi e rituali. “Le pratiche dei santuari includono donazioni in denaro, gioielli e doni in cambio di una benedizione da parte dei custodi”, ha dichiarato Salman Sufi, un ufficiale del ministero della provincia di Punjab. Molto spesso i custodi dei santuari hanno legami con i politici locali per aumentare la loro influenza e ricevono protezione in cambio di voti, ha continuato Sufi.

“Ci sono stati casi in cui persone pressoché sconosciute sono state insignite della santità e il luogo della loro sepoltura è stato trasformato in santuario, al semplice scopo di raccogliere donazioni”, ha affermato Sufi “a quel punto vengono raccolti molti soldi che vengono poi spesi per cibo, vestiti, processioni e se il custode del posto è una persona losca, anche per droghe, donne e alcol”, ha concluso il funzionario.

75 persone, riunitesi per un rituale, sono morte in un attentato suicida simile al santuario di Lal Shahbaz Qalandar, lo scorso febbraio 2017.  Si tratta di un attentato rivendicato, poi, dallo Islamic State Khorasan, organizzazione islamista affiliata all’Isis presente in Afghanistan e Pakistan.

La morte delle 20 vittime del santuario giunge subito dopo quella di altrettante persone che hanno perso la vita venerdì 31 marzo in un’esplosione presso una moschea nel distretto di Kurram Agency, nella zona tribale del Pakistan nord-occidentale. La regione ha registrato molti attentati dai militanti, vista la sua posizione geografica molto prossima al confine con l’Afghanistan.

Bandiera del Pakistan. Fonte:  Pixabay

Bandiera del Pakistan. Fonte: Pixabay

di Redazione

Articoli correlati

Asia Myanmar

Bangladesh: arriva l’esercito per aiutare i Rohingya

I profughi Rohingya devono affrontare le piogge monsoniche, il Bangladesh invia l’esercito per aiutare a gestire la crisi

Asia Corea del Nord

Segretario Generale Onu: Soluzione Pacifica per la Corea del Nord

Il Segretario Guterres ha dichiarato che il mondo teme la guerra nucleare in Corea del Nord e chiesto una risoluzione politica alle tensioni crescenti. Donald Trump ha ribadito la posizione Usa e minacciato di distruggere Pyongyang

Asia Corea del Nord

Corea del Nord: Cina e Russia chiedono risoluzione pacifica

I ministri degli esteri di Cina e Russia si sono incontrati a New York e hanno richiesto una risoluzione pacifica della questione nordcoreana

Asia Myanmar

Malesia: Myanmar è la nuova meta per il jihad

L’Isis si aggiunge ad Al Qaeda nella chiamata alle armi per i musulmani perché difendano l’etnia minoritaria Rohingya di fede islamica perseguitata in Myanmar

Afghanistan Asia

Le autorità afghane vorrebbero addestrare e armare 20,000 civili

Le autorità afghane stanno valutando la possibilità di addestrare e armare 20,000 civili per aumentare le operazioni contro i talebani e l’ISIS

Asia Myanmar

Myanmar: Aung San Suu-kyi chiede aiuto per i Rohingya

La leader del Myanmar ha parlato per la prima volta della crisi umanitaria dei Rohingya e chiesto l’aiuto della comunità internazionale


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.