Il Consiglio di Sicurezza ONU ha accettato di ridurre le truppe in Congo

Pubblicato il 1 aprile 2017 alle 6:34 in Africa Congo

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Dopo la richiesta sollevata dagli Stati Uniti, il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha accettato di ridurre i soldati della missione peacekeeping nella Repubblica Democratica del Congo a causa dell’aumento della violenza nel paese.

Gli Stati Uniti hanno richiesto alle Nazioni Unite, giovedì 30 marzo, di tagliare le spese alla missione MONUSCO nella Repubblica Democratica del Congo, l’operazione di peacekeeping più grande e costosa tra le missioni ONU. Circa 19.000 soldati ONU stanno proteggendo la popolazione congolese dalla violenza che sta aumentando di giorno in giorno. Gli Stati Uniti hanno richiesto di ridurre il personale a 16.215 a causa dell’incremento delle violenze e degli attacchi sferrati anche nei loro confronti.

La scorsa settimana sono stati trovati i corpi di due operatori ONU, un’interprete e un investigatore, nella provincia di Kasai dove ultimamente sono scoppiate forti violenze.

I membri del Consiglio di Sicurezza voteranno, venerdì 31 marzo, per rinnovare il mandato della missione MONUSCO, operazione che vale 1.2 miliardi di dollari.

Gli Stati Uniti avevano richiesto di tagliare i soldati a 15.000, nonostante la richiesta del Segretario Generale Antonio Guterres di aumentare di due unità di polizia – 320 ufficiali. Il consiglio ha accordato con Washington di ritirare 1.050 ufficiali, secondo una risoluzione pianificata. Tuttavia Guterres ha richiesto di valutare la possibilità di una cooperazione tra le missioni, ovvero il trasferimento di truppe da altre missioni ONU alla missione MONUSCO.

L’ambasciatore americano alle Nazioni Unite, Nikki Haley, sta rivedendo tutte le operazioni di peacekeeping ONU. Haley ha dichiarato che la missione in Congo sta aiutando un “governo corrotto che prende come preda i suoi cittadini”.

Il Congo, ricco di risorse, ha guadagnato l’indipendenza dal potere coloniale del Belgio nel 1960. Tuttavia non ha mai avuto una transizione di potere pacifica. Tutt’ora l’attuale presidente Joseph Kabila ha rifiutato di dimettersi dopo che il suo ultimo mandato è scaduto a dicembre 2016, provocando instabilità, proteste e violenze in tutto il paese. La situazione potrebbe sfociare in una guerra civile. I leader dell’opposizione hanno firmato un accordo fragile, con la coalizione di governo e gli alleati del presidente, in cui viene richiesto al presidente di ritirarsi dopo le elezioni programmate per la fine del 2017.

Soldati in missione MONUSCO in Congo. Fonte: Wikimedia Commons

di Redazione

Articoli correlati

Africa Libia

Libia: Salamé presenta l’emendamento dell’accordo di Skhirat

L’inviato dell’ONU in Libia, Ghassan Salamé, a margine della 72esima sessione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York, ha presentato un “piano d’azione”, che propone la modifica dell’accordo di Skhirat

Africa Etiopia

Etiopia: scontri nell’est del Paese hanno prodotto 50,000 sfollati

Gli scontri nell’est dell’Etiopia, ai confini tra la regione di Oromia e di Somali, hanno prodotto circa 50,000 sfollati, i quali sono stati costretti ad abbandonare le proprie case per sottrarsi alle violenze che, nel corso della settimana passata, hanno causato la morte di almeno 50 persone

Immigrazione Niger

Niger: i cacciatori di migranti dell’Europa

Il Niger è sempre stato un Paese di transito per i flussi migratori provenienti dall’Africa occidentale e diretti verso la Libia e l’Algeria. In particolare, l’instabilità politica, sociale ed economica che caratterizza il Paese africano da quasi sessant’anni ha contribuito favorire le attività dei trafficanti di esseri umani

Africa Libia

Libia: chiuso un condotto per il trasporto del petrolio verso Tripoli

Un gruppo armato ha chiuso un condotto di una stazione petrolifera che trasporta il carburante dal porto di Zawiya verso Tripoli, fermando in tal modo il pompaggio di carburante verso la capitale

Africa Egitto

Egitto: Al-Sisi incontra Netanyahu e Abbas

Il presidente egiziano, Abdel Fattah Al-Sisi, ha incontrato il Primo Ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, e il presidente palestinese, Mahmoud Abbas, in due incontri separati a New York per discutere i modi per rilanciare il processo di pace in Medio Oriente

Europa Libia

Operazione Sophia: 83 ufficiali della marina libica giunti in Italia

83 ufficiali della Guardia Costiera libica sono giunti in Italia per ricevere un corso di addestramento nell’ambito dell’EUNAVFOR Med Operazione Sophia


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.