Marco Rubio: ripercussioni economiche se El Salvador voterà a favore del Venezuela nella OEA

Pubblicato il 29 marzo 2017 alle 6:42 in America Latina America centrale e Caraibi

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

L’assistenza offerta da Washington a El Salvador, Repubblica Dominicana e Haiti potrebbe essere a rischio, lo ha affermato il senatore repubblicano statunitense Marco Rubio riferendosi all’imminente votazione nell’Organizzazione degli Stati Americani (OEA) nei confronti del Venezuela.

Il senatore ha affermato che sarà difficile mantenere l’assistenza economica degli Stati Uniti nei confronti dei tre paesi, a causa dei tagli previsti nel nuovo bilancio, se questi, da parte loro, non hanno intenzione di prendere una posizione per difendere la democrazia nella regione. La votazione di martedì nella OEA è di somma importanza per il futuro della democrazia nella regione e per il futuro dell’Organizzazione stessa, ha aggiunto.

Il Senatore repubblicano Marco Rubio. Fonte: flickr.com

Il Senatore repubblicano Marco Rubio. Fonte: flickr.com

Stiamo vivendo un clima difficile a Washington. Stiamo considerando tagli drastici per quanto concerne gli aiuti ai paesi esteri e sarà molto difficile giustificare i costi che gli aiuti a questi paesi comportano se tali paesi non cooperano alla difesa della democrazia nella regione – ha affermato Rubio.

“Non si tratta di una minaccia, è semplicemente la realtà”, ha proseguito il senatore, uno dei principali artefici della legge sulle sanzioni contro il chavismo, redatta per punire la corruzione e la violazione dei diritti umani in Venezuela. Rubio ha espresso grande sorpresa nei confronti di quei paesi che ancora non hanno preso una decisione su come votare circa la relazione presentata dal Segretario generale della OEA, Luis Almagro, che ha presentato una domanda formale di sospensione del Venezuela dall’Organizzazione.

Il regime di Nicolás Maduro si è trasformato in una dittatura retta dai narcotrafficanti che viola tutti i principi contenuti nella Carta Democratica Interamericana – ha proseguito Rubio.

Il senatore ha manifestato grande sorpresa principalmente dinanzi l’indecisione di El Salvador, Repubblica Dominicana e Haiti, trattandosi di “paesi che hanno sofferto a lungo in materia di diritti umani e la cui storia dimostra le conseguenza della mancanza di democrazia”.

Rubio ha sottolineato di aver discusso personalmente con il presidente Donald Trump, così come con i capi di Stato di Costa Rica e Honduras, per cercare di ottenere voti favorevoli alla proposta di Almagro, il quale si è pronunciato più volte sulla necessità di dover ricorrere alla Carta Democratica Interamericana per trattare il caso del Venezuela.

Nel caso degli Stati Uniti, Rubio ha affermato di non avere dubbi e che Almagro riceverà il suo appoggio, così come quello di molti altri paesi della regione che hanno mostrato preoccupazione circa il deterioramento delle istituzioni democratiche in America Latina.

I prossimi giorni saranno decisivi per il futuro della democrazia nella regione – ha concluso il senatore repubblicano.

Traduzione dallo spagnolo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Articoli correlati

America Latina Messico

Il terremoto riavvicina USA e Messico

Il terremoto che ha colpito il Messico ha dato il via alla solidarietà internazionale e riavvicinato Washington al vicino meridionale

America Latina Perù

Crisi politica in Perù: Mercedes Araoz nuova premier

Lo scontro tra il governo del presidente Kuczynski e la maggioranza parlamentare vicina all’ex dittatore Alberto Fujimori sul tema dello studio della teoria gender nelle scuole ha portato alla sfiducia del premier Zavala e alla nomina di un nuovo governo più affine al fujimorism

America Latina America centrale e Caraibi

Puerto Rico: preoccupazione per l’uragano Maria

Dopo l’uragano Irma, la nuova tempesta tropicale che ha colpito le Antille minori e si appresta a colpire Puerto Rico si chiama Maria. Il premier di Dominica salvato in elicottero

America Latina Brasile

Brasile: il ministro dell’agricoltura sotto accusa

Un altro ministro del governo Temer sotto inchiesta: si tratta del titolare dell’agricoltura Blairo Maggi, per reati commessi durante i suoi mandati di governatore del Mato Grosso

Cuba USA e Canada

CUBA: AMBASCIATA USA VERSO LA CHIUSURA?

Il segretario di stato Tillerson ammette che sta valutando la chiusura della sede diplomatica riaperta da appena due anni a causa degli attacchi acustici che hanno causato la sordità di alcuni diplomatici nordamericani

America Latina Venezuela

VENEZUELA: L’AMERICA LATINA DEVE AGIRE

Le potenze regionali devono intervenire diplomaticamente in Venezuela prima che lo facciano attori esterni, scongiurando così quanto accaduto a Cuba nel 1959


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.