Cile: Michelle Bachelet in visita ad Haiti

Pubblicato il 29 marzo 2017 alle 14:01 in America Latina Cile

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Michelle Bachelet ha visitato il contingente cileno ad Haiti, prima dell’inizio delle operazioni di ritiro previste per il prossimo 15 aprile ed ha confermato gli impegni cileni per lo sviluppo del paese caraibico.

La Presidente Bachelet, accompagnata dai ministri degli esteri e della difesa, è il primo capo di stato a visitare Port-au-Prince dall’elezione di Jovenel Moïsé. I due capi di stato hanno celebrato insieme l’ottantesimo anniversario dell’instaurazione delle relazioni diplomatiche tra Cile e Haiti – riferisce la nota ufficiale del governo di Santiago.

Michelle Bachelet e Jovenel Moïsé a Port-au-Prince. Fonte: gobierno de Chile

Michelle Bachelet e Jovenel Moïsé a Port-au-Prince. Fonte: gobierno de Chile

Moïsé ha ringraziato la Presidente del Cile per aver guidato personalmente i numerosi progetti di cooperazione e aiuto sociale che il paese andino ha avviato ad Haiti, e per essere stata decisiva nello stabilire gli obiettivi e le regole d’ingaggio della missione ONU nel paese (MINUSTAH).

Bachelet ha sottolineato la partecipazione del Cile al gruppo “Amici di Haiti”, creato per appoggiare il paese caraibico a rinforzare le proprie istituzioni democratiche e a svilupparsi in campo economico e sociale.

I due capi di stato hanno firmato poi l’accordo sul riconoscimento e l’equiparazione dei titoli di studio, volto a favorire l’integrazione, in particolar modo degli haitiani emigrati in Cile. Si ritiene che la comunità haitiana nel paese andino sia composta da più di 60.000 persone. Bachelet ha poi inaugurato la scuola cilena a Port-au-Prince, un istituto scolastico ricostruito dal paese andino dopo il terremoto del 2010.

Oltre alle autorità haitiane, Michelle Bachelet si è riunita con il capo della missione ONU Sandra Honoré ed ha visitato il contingente cileno della Minustah. Il Cile partecipa alla missione con 350 soldati e il Gruppo di Elicotteri n.25 dell’aviazione.

Il prossimo 15 aprile è previsto il ritiro dei contingenti cileno e uruguaiano della Minustah. A differenza dell’Uruguay, dove vi sono pareri discordanti sul ritiro, il governo e il parlamento cileni concordano nel considerare conclusa l’esperienza dei caschi blu di Santiago nel paese caraibico.

Il Brasile, che guida la missione con 900 soldati, è restio a dare per conclusa la missione prima di un pronunciamento ufficiale dell’ONU.

Traduzione dallo spagnolo e redazione a cura di Italo Cosentino.

 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.