Turchia: i cittadini turchi in Germania hanno cominciato a votare

Pubblicato il 28 marzo 2017 alle 15:09 in Medio Oriente Turchia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

I cittadini turchi che vivono in Germania hanno cominciato a votare per il referendum che propone di modificare la costituzione turca per aumentare i poteri del presidente, Recep Tayyip Erdogan.

Le votazioni stanno avvenendo in un momento di tensioni tra la Turchia e l’Europa, dove vivono circa 2,5 milioni di cittadini turchi aventi diritto al voto. Lo scorso 13 marzo, l’Olanda e la Germania si sono rifiutate di autorizzare l’ingresso nei propri paesi di alcuni esponenti del governo turco, intenzionati a partecipare ai comizi elettorali organizzati in previsione del referendum costituzionale, che si terrà in Turchia il 16 aprile 2017. Tale episodio ha provocato la reazione della Ankara, la quale ha chiesto a Berlino e ad Amsterdam di scusarsi pubblicamente per i divieti imposti ai membri del proprio governo, definendoli “metodi razzisti”. Per cercare di calmare le tensioni, i vertici delle istituzioni dell’Unione Europea e della NATO hanno chiesto ai tre paesi di calmare i toni e cercare di allentare la situazione.

Relativamente al referendum, Erdogan sostiene che il rafforzamento della presidenza scongiurerà l’instabilità politica, soprattutto in un momento in cui la Turchia sta affrontando numerose minacce terroristiche. I critici, tra i leader europei, dicono che, se il referendum passasse, il presidente turco concentrerà troppo potere nelle proprie mani.

Alcuni osservatori tedeschi temono che molti turchi che vivono in Germania, anche se contrari al referendum, si asterranno dal voto per paura di possibili ripercussioni contro le proprie famiglie in Turchia.

Bandiera turca. Fonte: Balkanist

Bandiera turca. Fonte: Balkanist

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.