Smantellata cellula terroristica in Bahrein che pianificava di colpire la base americana

Pubblicato il 28 marzo 2017 alle 8:21 in Bahrein Medio Oriente

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Le autorità del Bahrein, domenica, hanno smantellato una cellula terroristica sospettata di essere legata all’attacco del 26 febbraio contro un autobus della polizia e di pianificare l’uccisione di alcuni ufficiali delle forze di sicurezza locali.

Dei 14 individui arrestati, 11 sono accusati di avere legami con l’Iran e, in particolare, con Hezbollah in Iraq. Dalle indagini della polizia è emerso che la base americana in Bahrein era l’obiettivo principale dei terroristi, i quali volevano destabilizzare la sicurezza del paese. “La cellula si stava addestrando per colpire esponenti importanti della polizia, per far esplodere un convoglio della sicurezza e per attaccare la base statunitense”, ha spiegato il ministro degli Interni, il Maggiore Generale Tariq Al-Hassan a Asharq Al-Qwsat, ieri. Il ministro ha aggiunto che il gruppo terroristico aveva iniziato a monitorare la base americana, documentandosi sui movimenti dei soldati e dei veicoli. Gli USA sono già stati informati dell’accaduto.

La polizia ha scoperto che la cellula si stava tenendo in contatto con altri terroristi in Iran attraverso un’applicazione che permette di criptare i messaggi sui social networks; inoltre, sembra che i membri del gruppo, in passato, abbiano effettuato 66 viaggi in Iran. Gli ufficiali di Manama hanno spiegato che gli individui stavano lavorando sotto la supervisione di altri leaders fondamentalisti originari del paese che operano in Iran, dove hanno forti legami con l’Iran’s Revolutionary Guards (IRGC), una degli attori economici iraniani più influenti. Fondate nel 1979 con l’intento iniziale di difendere la Repubblica islamica da minacce esterne ed interne, oggi, le IRGC hanno assunto una struttura organizzativa complessa ed esercitano una profonda influenza sulla società iraniana.

Il primo ministro del Bahrein, il principe Khalifa bin Salman Al Khalifa, ieri, ha lodato le forze di sicurezza per essere riuscite a smantellare la pericolosa cellula terroristica. Il primo ministro ha emesso il comunicato di ringraziamento durante la sessione settimanale del governo, a cui era presente anche Salman bin Hamad Al Khalifa, principe ereditario, vice-comandante supremo e vice primo ministro, riferendo che “il Bahrein rimarrà sempre sicuro e stabile grazie all’efficienza delle sue forze di sicurezza“. I leader hanno espresso parole di condanna verso l’attentato di Londra del 22 marzo.

La Naval Support Activity è una base militare americana in Bahrein di grande importanza strategica. Oltre ad avere un ruolo di primo piano in Medio Oriente, la Naval Support Activity è stata fondamentale in diverse operazioni, tra cui la Operation Enduring Freedom, la Operation Iraqi Freedom e la Operation New Dawn. Tale base militare, insieme ad un’altra base statunitense in Djibouti, è sotto la guida dei comandanti della marina americana per il sud-est asiatico.

Bandiera del Bahrein. Fonte: Wikimedia Commons

Bandiera del Bahrein. Fonte: Wikimedia Commons

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.