Il premier serbo Vucic a Mosca

Pubblicato il 28 marzo 2017 alle 10:03 in Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il Primo ministro di Belgrado è stato ricevuto al Cremlino da Vladimir Putin con cui ha affrontato temi legati alle relazioni bilaterali e alla situazione nei Balcani.

La visita di Aleksandr Vucic a Mosca si svolge in un momento in cui la situazione nei Balcani si sta aggravando – ha dichiarato all’agenzia di stampa TASS il portavoce del governo serbo. Belgrado ha dunque necessità di rinforzare la cooperazione con Mosca, terzo partner commerciale del paese balcanico, ma storico alleato e fornitore di armi e tecnologia militare.

Il vertice tra Putin e Vucic. Fonte: kremlin.ru

Il vertice tra Putin e Vucic. Fonte: kremlin.ru

L’aumento delle tensioni interne in Macedonia e Romania, la decisione del Kosovo di formare un esercito proprio e l’inchiesta sul presunto colpo di stato in Montenegro finanziato da Mosca e Belgrado, fonte di grande preoccupazione per il governo serbo, sono state al centro del vertice tra Putin e Vucic.

In concomitanza il ministro della difesa serbo Zoran Djordjevic ha incontrato la controparte russa, per concludere accordi in ambito tecnologico-militare. La Serbia è interessata all’acquisto di missili antiaerei Buk-M1 e Buk M2, dopo aver ricevuto in dono da Mosca sei caccia MiG-29. A Gennaio, in occasione di una visita in Bielorussia, Vucic aveva ricevuto da Minsk 8 MiG-29 e due complessi missilistici antiaerei di fabbricazione russa.

Al centro del vertice, tuttavia, anche temi economici. Vucic si è detto interessato a sviluppare le relazioni commerciali tra la Serbia e l’Unione Eurasiatica, in vista del vertice tra Belgrado e l’organizzazione del prossimo luglio. Putin – riporta una nota ufficiale del Cremlino – ha sottolineato come i rapporti commerciali tra i due paesi abbiano ampio margine di crescita. Il Presidente russo ha ricordato come, oltre al settore agropecuario – leader del commercio fra i due paesi – Mosca e Belgrado possano sviluppare investimenti comuni in prodotti farmaceutici, energia e cooperazione industriale.

Al termine del vertice Vucic ha ringraziato Putin personalmente e la Federazione russa nel complesso “per il continuo sostegno all’integrità territoriale e alla sovranità della Serbia”.

Traduzione dal russo e redazione a cura di Italo Cosentino

 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.