Russia: centinaia di oppositori arrestati

Pubblicato il 27 marzo 2017 alle 8:56 in Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Migliaia di persone hanno partecipato a Mosca e in altre 24 città della Russia alla manifestazione contro la corruzione organizzata da Aleksej Naval’nyj, arrestato nel corso della dimostrazione assieme ad altre centinaia di persone.

Le manifestazioni erano state convocate per chiedere le dimissioni del Primo Ministro Dmitrij Medvedev, accusato da un’inchiesta pubblicata su youtube dallo stesso Naval’nyj, di essere al centro di un impero economico fondato sulla corruzione e l’abuso di potere. Medvedev godrebbe, secondo i dissidenti, di proprietà immobiliari, terreni agricoli e imprese per 1,13 miliardi di euro, con cui finanzierebbe un’intricata trama di corruzione.

Le autorità hanno definito l’inchiesta di Naval’nyj “propaganda” in vista delle elezioni presidenziali del prossimo anno, cui l’avvocato e blogger dissidente vorrebbe candidarsi.

Навальный_13

Il leader oppositore Aleksej Naval’nyj. Fonte: Wikimedia Commons

Convocate in 100 località da Kalinigrad a Vladivostok, le manifestazioni erano state autorizzate in 24 città. A Novosibrisk, Kazan’, Perm e Nižnij Tagil  la magistratura aveva autorizzato le dimostrazioni contro il parere delle amministrazioni locali.

Alle manifestazioni hanno preso parte circa migliaia di persone in tutta la Russia (20.000 secondo gli organizzatori, 8.000 secondo la polizia), per la maggior parte giovani. L’affluenza varia dalle poche decine di persone a Barnaul, capitale dell’Altaj, ad alcune migliaia che hanno sfilato a Mosca.

Nel corso della dimostrazione le forze dell’ordine sono intervenute tra le proteste dei partecipanti arrestando Naval’nyj e altri per violazione della legge sulle manifestazioni pubbliche. Secondo fonti dell’opposizione sarebbero 1030 le persone fermate, di cui 120 ancora detenuti stamattina. I manifestanti hanno denunciato violenze da parte delle forze di sicurezza e hanno inoltre lamentato come in diverse località le autorità abbiano tentato di impedire le manifestazioni con escamotage come mandare gli spazzaneve lungo il percorso del corteo.

Le autorità non hanno commentato gli eventi, ma secondo alcuni analisti l’alta partecipazione di giovani e l’estensione delle manifestazioni anche alle zone periferiche e all’oriente russo sarebbe fonte di preoccupazione per Vladimir Putin. Le manifestazioni dell’opposizione sono difatti storicamente limitate a poche migliaia di persone concentrate nelle grandi città delle provincie occidentali.

Il Primo Ministro Medvedev, nonostante le dimostrazioni contro di lui e le voci che lo vorrebbero dimissionario prima delle elezioni del 2018, ha ostentato sicurezza affermando tramite il suo profilo personale su instagram di aver passato la domenica sugli sci.

Traduzione dal russo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.