Marocco: arrestato finanziatore di Hezbollah

Pubblicato il 26 marzo 2017 alle 7:43 in Africa Marocco

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Le autorità del Marocco hanno arrestato, Kassim Tajideen, considerato dagli Stati Uniti uno dei maggiori finanziatori della milizia terroristica libanese, Hezbollah. Le autorità stanno pianificando l’estradizione in America.

Kassim Tajideen è stato arrestato il 12 marzo 2017 all’aeroporto di Casablanca a seguito di un mandato d’arresto lanciato due giorni prima dall’Interpol di Washington che lo accusava di frode, riciclaggio di denaro e finanziamento ad attività terroristiche.

Kassim era diretto verso Beirut quando, dopo essere partito dalla capitale della Guinea, Conakry, è stato fermato in Marocco dalle autorità aeroportuali.

Il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha accusato Tajideen di essere un designato speciale del terrorismo globale nel maggio 2009, riferendosi a lui come un “importante collaboratore finanziario di Hezbollah”.

Nel 2010 anche i suoi fratelli, Husayn e Ali, erano stati accusati di fornire supporto all’organizzazione terroristica. Ali è un presunto comandante di Hezbollah in Libano.

Il mandato d’arresto nei confronti di Kassim Tajideen lo accusa di trasferimento illecito di denaro. La cifra ammonta a 27 milioni ricavati dalla rete di affari in Angola, negli Stati Uniti e in Libano.

Le sanzioni americane contro gli investimenti dei fratelli Tajideen sono state applicate sui beni immobili, le costruzioni, i diamanti e il commercio di prodotti alimentari in Gambia, Sierra Leone, Repubblica Democratica del Congo, Angola e nelle Isole Vergini britanniche.

Gli Stati Uniti hanno applicato sanzioni a chiunque facesse accordi commerciali con i fratelli Tajideen, tuttavia alcune compagnie continuano ad operare liberamente.

Gli Ufficiali Statunitensi sono allarmati dal fatto che i paesi Centroafricani e quelli dell’Africa Occidentale possono diventare dei rifugi sicuri per i finanziatori di Hezbollah poiché sfruttano la poca regolamentazione finanziaria.

Hezbollah è un’organizzazione paramilitare libanese nata nel 1982 e successivamente è diventato anche un partito politico sciita. Arabia Saudita, Egitto, Giordania, Stati Uniti e Unione Europea hanno accusato l’organizzazione di aver condotto attività terroristiche, tuttavia alcuni paesi come l’Iran e la Siria non la considerano un’organizzazione terroristica. Hezbollah, inoltre, svolge un ruolo di supporto al Presidente Bashar al-Assad per contrastare i gruppi ribelli nella guerra civile siriana.

Bandiera Hezbollah, Libano. Fonte: Wikipedia.

Bandiera Hezbollah, Libano. Fonte: Wikipedia.

di Redazione

Articoli correlati

Africa Egitto

Egitto: Al-Sisi incontra Netanyahu e Abbas

Il presidente egiziano, Abdel Fattah Al-Sisi, ha incontrato il Primo Ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, e il presidente palestinese, Mahmoud Abbas, in due incontri separati a New York per discutere i modi per rilanciare il processo di pace in Medio Oriente

Europa Libia

Operazione Sophia: 83 ufficiali della marina libica giunti in Italia

83 ufficiali della Guardia Costiera libica sono giunti in Italia per ricevere un corso di addestramento nell’ambito dell’EUNAVFOR Med Operazione Sophia

Africa Nigeria

Doppio attacco suicida nel nord-est della Nigeria: almeno 15 morti

Due donne si sono fatte esplodere nel villaggio di Mashalari, nell’area di Kodunga, a circa 40 chilometri da Maiduguri, uccidendo almeno 15 persone e ferendone altre 43

Burundi Congo

REP. DEM. DEL CONGO: UCCISI 36 RIFUGIATI DEL BURUNDI

Le forze di sicurezza della Repubblica Democratica del Congo hanno ucciso almeno 36 rifugiati del Burundi, mentre altri 100 sono rimasti feriti, nel corso di scontri emersi intorno alla questione del loro rimpatrio

Approfondimenti Ciad

IL CIAD E IL TERRORISMO

Secondo quanto riportato dal governo americano, nel 2016, il Ciad ha intensificato i propri sforzi per migliorare le operazioni anti-terrorismo ma, a causa del peggioramento della crisi finanziaria, le autorità ciadiane hanno riscontrato grosse difficoltà, persino nei pagamenti dei salari alla polizia e ai soldati

Africa Repubblica Centrafricana

REPUBBLICA CENTRAFICANA: TENSIONI SEMPRE PIU’ GRAVI

Almeno 25 persone sono state uccise in una serie di scontri tra diversi gruppi armati nel corso di questa settimana, in seguito all’aumento delle tensioni nella Repubblica Centrafricana.


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.