La Russia prevede di aumentare l’export di armi

Pubblicato il 23 marzo 2017 alle 7:13 in Russia

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Le esportazioni russe di armi aumenteranno significativamente nel 2017 secondo i dati dell’azienda di stato per l’export di armi Rosoboronèksport.

Il portafoglio ordini della Rosoboronèksport ammonta già a 45 miliardi di dollari e si prevede di raggiungere entro fine anno la quota record di 56 miliardi di dollari per il triennio 2017-2020 – ha dichiarato Viktor Kladov dirigente della Rostech, industria tecnologica di stato che controlla l’azienda per l’export di armi. Nel 2017 la Russia dovrebbe superare significativamente i 14 miliardi incassati per la vendita di armamenti nel 2016.

Kladov, in visita nel Sud Est asiatico in occasione della quattordicesima esposizione internazionale navale e aerospaziale di Langkawi (Malesia) ha sottolineato come i contratti con i paesi dell’area siano fondamentali per l’aumento dell’export russo.

Logo della Rosobornexport. Fonte: roe.ru

Logo della Rosoboronèksport. Fonte: roe.ru

L’Indonesia, ad esempio, dovrebbe concludere a breve il contratto per l’acquisto di 4 navi, due prodotte in Russia e due prodotte in India con tecnologia della Rostech, oltre all’accordo già chiuso per la vendita di jet da combattimento Su-35. Mosca ha inoltre in cantiere forniture navali per il Vietnam, elicotteri Mi-17, Yak-130, SU-30, BE-200 per la Thailandia e Mig-29N per la Malesia.

A contribuire all’aumento dell’export russo (14,5 miliardi di dollari in media nel triennio 2012-15, 18,6 previsti per il triennio 2017-20 ) anche i contratti per le forniture militari siglati con gli Emirati Arabi Uniti, le Filippine e soprattutto l’Egitto. Grazie agli acquisti egiziani (in particolar modo missili, sistemi di difesa antiaerei ed elicotteri), la Russia ha esportato armi in Medio Oriente per 5,5 miliardi di dollari nel 2016, contro il miliardo e mezzo di due anni prima.

La speranza di raggiungere ordini per 56 miliardi di dollari è stata espressa recentemente anche da Vladimir Putin.

Traduzione dal russo e redazione a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.