Attentati multipli in Nigeria

Pubblicato il 23 marzo 2017 alle 7:11 in Africa Nigeria

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Due attentati sono stati sferrati in due stati della Nigeria. Il primo è avvenuto lunedì 20 marzo nello Stato del Benue da un uomo armato che ha aperto il fuoco in un mercato uccidendo 17 persone. Il secondo è avvenuto mercoledì 22 marzo nello Stato del Borno, a Maiduguri, dove tre attentatori si sono fatti esplodere vicino un campo di sfollati uccidendo 8 persone e ferendone altre 18.

Un uomo armato ha ucciso circa 17 persone, la maggior parte donne e bambini, dopo aver invaso una comunità di contadini in Nigeria centrale in segno di condanna contro il presidente nigeriano Muhammadu Buhari a seguito di alcune riforme in campo pastorizio. L’attentatore ha incendiato gli edifici e distrutto ogni cosa in segno di protesta riguardo il diritto di pascolo degli animali. L’assalto è avvenuto una settimana dopo che un pastore dell’etnia nomade dei Fulani è stato accusato di aver ucciso 10 persone nello Stato del Benue.

Il presidente Buhari ha condannato l’attacco in un comunicato rilasciato martedì scorso e ha esortato le forze di sicurezza a iniziare immediatamente le indagini per trovare il responsabile.

La regione del Benue è stata devastata dalle lotte tra i pastori nomadi Fulani di religione musulmana e i contadini cristiani riguardo all’appropriazione di terre e al diritto al pascolo. Buhari, per cercare di affievolire le tensioni tra le due fazioni, ha proposto la creazione di un terreno pastorale per prevenire futuri scontri nel paese. Nel luglio dello scorso anno durante gli scontri sono morte circa 81 persone. A febbraio 2016 circa 100 persone sono rimaste uccise e circa 1000 case sono state distrutte da un’ondata di attacchi da parte dell’etnia nomade dei Fulani. In due anni più di 300 persone hanno perso la vita durante gli scontri nello Stato del Benue.

Nel nord-est della Nigeria, a Maiduguri, sono esplose tre bombe uccidendo 8 persone e ferendone altre 18. Gli attacchi sono avvenuti intorno alle 3.30 di mattina nella periferia della città. Due attentatori suicidi si sono fatti esplodere vicino ad un campo di sfollati mentre il terzo attentatore è saltato in aria prima di raggiungere il suo obiettivo. La responsabilità degli attacchi non è ancora stata rivendicata, ma i campi di sfollati nella città di Maiduguri sono spesso presi di mira dai militanti dell’organizzazione terroristica Boko Haram.

Maiduguri è stata la città più colpita dalla campagna, durata otto anni, di Boko Haram con lo scopo di creare un califfato islamico nel nord-est della Nigeria. Gli attacchi hanno provocato circa 15.000 vittime e hanno costretto più di 2 milioni di persone a lasciare le loro abitazioni.

Divisioni amministrative Nigeria. Fonte: Wikipedia

Divisioni amministrative Nigeria. Fonte: Wikipedia

di Redazione

Articoli correlati

Africa Libia

Libia: Salamé presenta l’emendamento dell’accordo di Skhirat

L’inviato dell’ONU in Libia, Ghassan Salamé, a margine della 72esima sessione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York, ha presentato un “piano d’azione”, che propone la modifica dell’accordo di Skhirat

Africa Etiopia

Etiopia: scontri nell’est del Paese hanno prodotto 50,000 sfollati

Gli scontri nell’est dell’Etiopia, ai confini tra la regione di Oromia e di Somali, hanno prodotto circa 50,000 sfollati, i quali sono stati costretti ad abbandonare le proprie case per sottrarsi alle violenze che, nel corso della settimana passata, hanno causato la morte di almeno 50 persone

Immigrazione Niger

Niger: i cacciatori di migranti dell’Europa

Il Niger è sempre stato un Paese di transito per i flussi migratori provenienti dall’Africa occidentale e diretti verso la Libia e l’Algeria. In particolare, l’instabilità politica, sociale ed economica che caratterizza il Paese africano da quasi sessant’anni ha contribuito favorire le attività dei trafficanti di esseri umani

Africa Libia

Libia: chiuso un condotto per il trasporto del petrolio verso Tripoli

Un gruppo armato ha chiuso un condotto di una stazione petrolifera che trasporta il carburante dal porto di Zawiya verso Tripoli, fermando in tal modo il pompaggio di carburante verso la capitale

Africa Egitto

Egitto: Al-Sisi incontra Netanyahu e Abbas

Il presidente egiziano, Abdel Fattah Al-Sisi, ha incontrato il Primo Ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, e il presidente palestinese, Mahmoud Abbas, in due incontri separati a New York per discutere i modi per rilanciare il processo di pace in Medio Oriente

Europa Libia

Operazione Sophia: 83 ufficiali della marina libica giunti in Italia

83 ufficiali della Guardia Costiera libica sono giunti in Italia per ricevere un corso di addestramento nell’ambito dell’EUNAVFOR Med Operazione Sophia


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.