Gibuti: attivista per i diritti umani arrestato

Pubblicato il 22 marzo 2017 alle 7:03 in Africa Gibuti

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Uno dei fondatori della Lega per i diritti umani in Gibuti (LDDH), Omar Ali Ewado, è stato arrestato dalle autorità per motivi sconosciuti, ha annunciato l’Osservatorio per la protezione dei difensori dei diritti umani.

Ewado è stato arrestato nel pomeriggio di domenica 19 marzo dagli ufficiali dei servizi segreti mentre si stava recando in una moschea vicino casa. Le autorità avrebbero minacciato la famiglia dell’attivista, puntando una pistola contro i suoi figli prima di portarlo via.

Il giorno dopo, i famigliari hanno appreso che Ewado è detenuto presso la sede di intelligence del paese.

Omar Ali Ewado ha riferito che ha iniziato uno sciopero della fame per protestare contro il suo arresto arbitrario. “La comunità dei diritti umani ha subito delle pressioni notevoli da parte delle autorità del Gibuti per anni e giusto che ora spieghino le ragioni di questo arresto e più in generale terminino la persecuzione degli attivisti per i diritti”, ha dichiarato Drissa Traoré, vice presidente della federazione internazionale per i diritti umani (FIDH).

Ewado era  stato condannato a tre mesi di carcere nel gennaio 2016 per “vilipendio”, dopo aver pubblicato un elenco delle vittime del “massacro” del 21 dicembre 2015. Venne poi assolto in appello un mese dopo. La presenza della polizia durante la cerimonia tradizionale tenutasi a Buldhoqo, nei pressi di Balbala, alla periferia della capitale, il 21 dicembre 2015 provocò violenti scontri che portarono alla morte e al ferimento di numerose persone. Secondo il governo sette, invece la FIDH riporta chele vittime furono “almeno 27“. “Condanniamo i ripetuti attacchi alla libertà di associazione e di espressione in Gibuti e chiediamo la liberazione immediata e senza condizioni di Omar Ewado”, ha detto Gerald Staberock, segretario generale dell’organizzazione mondiale contro la tortura (OMCT). “Temiamo anche che sarà sottoposto a tortura e maltrattamenti in detenzione, e invitiamo le autorità a garantire la sua integrità fisica e psicologica”, ha aggiunto.

Il Gibuti è un piccolo paese con una posizione strategica nel Corno d’Africa. Esso è stato governato per 18 anni dal presidente Ismaël Omar Guelleh. Questo è stato rieletto per un quarto mandato nel mese di aprile 2016 con oltre l’86% dei voti in un’elezione definita dall’opposizione una “messa in scena“.

Bandiera Gibuti. Fonte: Wikipedia

Bandiera Gibuti. Fonte: Wikipedia

di Redazione

Articoli correlati

Africa Libia

Libia: chiuso un condotto per il trasporto del petrolio verso Tripoli

Un gruppo armato ha chiuso un condotto di una stazione petrolifera che trasporta il carburante dal porto di Zawiya verso Tripoli, fermando in tal modo il pompaggio di carburante verso la capitale

Africa Egitto

Egitto: Al-Sisi incontra Netanyahu e Abbas

Il presidente egiziano, Abdel Fattah Al-Sisi, ha incontrato il Primo Ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, e il presidente palestinese, Mahmoud Abbas, in due incontri separati a New York per discutere i modi per rilanciare il processo di pace in Medio Oriente

Europa Libia

Operazione Sophia: 83 ufficiali della marina libica giunti in Italia

83 ufficiali della Guardia Costiera libica sono giunti in Italia per ricevere un corso di addestramento nell’ambito dell’EUNAVFOR Med Operazione Sophia

Africa Nigeria

Doppio attacco suicida nel nord-est della Nigeria: almeno 15 morti

Due donne si sono fatte esplodere nel villaggio di Mashalari, nell’area di Kodunga, a circa 40 chilometri da Maiduguri, uccidendo almeno 15 persone e ferendone altre 43

Burundi Congo

REP. DEM. DEL CONGO: UCCISI 36 RIFUGIATI DEL BURUNDI

Le forze di sicurezza della Repubblica Democratica del Congo hanno ucciso almeno 36 rifugiati del Burundi, mentre altri 100 sono rimasti feriti, nel corso di scontri emersi intorno alla questione del loro rimpatrio

Approfondimenti Ciad

IL CIAD E IL TERRORISMO

Secondo quanto riportato dal governo americano, nel 2016, il Ciad ha intensificato i propri sforzi per migliorare le operazioni anti-terrorismo ma, a causa del peggioramento della crisi finanziaria, le autorità ciadiane hanno riscontrato grosse difficoltà, persino nei pagamenti dei salari alla polizia e ai soldati


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.