Perù: tre poliziotti uccisi in un’imboscata dei narcoterroristi

Pubblicato il 21 marzo 2017 alle 7:12 in America Latina Perù

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Un convoglio della Polizia Nazionale è stato attaccato da narcoterroristi nella regione andina di Ayacucho, tre poliziotti sono rimasti uccisi, un quarto è stato ricoverato assieme a quattro civili per le ferite riportate.

Una banda di cecchini, presumibilmente membri di una delle bande nate dalla diaspora dell’organizzazione terrorista Sendero Luminoso, ha attaccato intorno alle 7.15 di sabato 18 marzo un convoglio della Divisione Operazioni Speciali Antidroga della Polizia Nazionale. Come risultato del conflitto a fuoco sono rimasti uccisi tre poliziotti. Lo ha reso noto il Ministero dell’Intero del paese latinoamericano.

Zona di azione della guerriglia in Perù negli anni. Fonte: Wikipedia

Zona di azione della guerriglia in Perù negli anni. Fonte: Wikipedia

L’attacco ha avuto luogo nei pressi della base anti-narcotici di Palmapampa, nella regione di Ayacucho, la zona di maggior produzione della foglia di coca nel paese. Nella regione è operativa la forza di polizia incaricata di combattere i gruppuscoli nati dalle scissioni di Sendero Luminoso, legati al narcotraffico.

Il Viceministro dell’interno, Rubén Vargas Céspedes, ha comunicato alla stampa che la Polizia Nazionale ha inviato rinforzi nella zona al fine di rintracciare i responsabili dell’attacco e mettere in sicurezza la regione. Il Nel presentare le condoglianze alle famiglie delle vittime, il Presidente Kuczynski ha espresso la propria indignazione e invitato il popolo alla fermezza nei confronti del narcoterrorismo.

Il governo peruviano definisce narcoterroristi i gruppi nati dall’alleanza strategica tra i cartelli della droga e le organizzazioni di guerriglia operanti nella regione andina.

Sendero Luminoso è organizzazione maoista dedita al terrorismo operante in Perù fin dagli anni ’60 del secolo scorso. Duramente colpita negli anni del regime di Alberto Fujimori (1990-2000), ha subito numerose scissioni e si è ridotta a poche centinaia di membri. Molti gruppi nati dalle costole di Sendero Luminoso sono dediti al narcotraffico, pur continuando attività di terrorismo contro le autorità peruviane.

Prima delle presidenziali dello scorso anno, gruppi narcoterroristi avevano ucciso in un’imboscata 10 poliziotti deputati al controllo del regolare svolgimento delle elezioni.

Traduzione dallo spagnolo e redazione a cura di Italo Cosentino

 

di Redazione

Articoli correlati

America Latina Venezuela

L’AMERICA LATINA SI MOBILITA PER ISOLARE MADURO

I rappresentanti di 17 paesi riuniti a Lima per esaminare la situazione in Venezuela hanno espresso una dura condanna della rottura dell’ordine costituzionale in Venezuela e accordato che non riconosceranno alcun atto dell’Assemblea Costituente

America Latina Messico

MESSICO: VIOLENZA IN BASSA CALIFORNIA DEL SUD

La Bassa California del Sud, vero e proprio paradiso naturale e zona di grande importanza turistica, è sede di una guerra tra i cartelli di Sinaloa e di Tijuana Nueva Generación che ha causato dall’inizio dell’anno 279 morti.

America Latina Messico

Messico: i narcocannibali

La procura di Tabasco assicura che alcuni adolescenti sono stati costretti a mangiare carne umana come rito d’iniziazione per entrare nel cartello Jalisco Nueva Generación

America Latina Messico

La guerra al narcotraffico arriva a Città del Messico

Incidenti, barricate e disturbi nei quartieri meridionali della città dopo la morte del capo del potente cartello di Tláhuac e di sette suoi accoliti

America Latina Perù

Perù: no al muro alla frontiera con l’Ecuador

Il Governo di Pedro Pablo Kuczynski ha condannato la decisione del vicino Ecuador di costruire un muro alla frontiera. Le tensioni tra i due paesi sono state risolte nel 1942 dal Protocollo di Rio de Janeiro

America Latina America centrale e Caraibi

Guatemala: stato d’assedio in due municipi

Il governo guatemalteco ha varato lo stato d’assedio nei municipi di Ixchiguán e Tajumulco a causa dei continui scontri dovuti alla proprietà della terra, alla coltivazione del papavero e alla gestione delle acque


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.