Inviato del presidente USA incontra re di Giordania ad Amman

Pubblicato il 17 marzo 2017 alle 19:44 in Giordania Medio Oriente

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Mercoledì scorso, 15 marzo, Jason Greenblatt, inviato per il Medio Oriente del presidente USA Donald Trump, è stato ricevuto ad Amman dal re di Giordania Abdullah II.

I due avrebbero discusso eventuali piani e strategie per rilanciare gli accordi di pace tra Israele e l’Autorità Nazionale Palestinese (ANP).

Bandiera della Giordania. Fonte: Wikimedia Commons

Bandiera della Giordania. Fonte: Wikimedia Commons

Nel corso dell’incontro ufficiale, tenutosi presso il palazzo Al-Husseiniya, re Abdullah avrebbe sottolineato la vitale importanza del ruolo americano per quanto riguarda la gestione del processo di pace israelo-palestinese e la promozione di nuovi negoziati, che non escludano la soluzione dei due Stati.

Il re di Giordania auspica il raggiungimento di un accordo di pace giusto e onnicomprensivo, che possa favorire la creazione di uno Stato palestinese indipendente e, di conseguenza, possa garantire maggiore sicurezza e stabilità a livello regionale.

Greenblatt ha dichiarato che la pace tra Israele e ANP avrebbe un impatto positivo sugli equilibri regionali, ed ha chiesto alla Giordania di assumersi la responsabilità di intervenire come mediatore nell’ambito del processo di pace.

 

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.