Esplode pacco bomba presso la sede di Parigi del Fondo monetario internazionale

Pubblicato il 17 marzo 2017 alle 9:47 in Europa

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il pubblico ministero francese sta indagando su un possibile legame tra la Grecia e la lettera esplosa giovedì 16 marzo presso la sede del Fondo monetario internazionale (FMI) di Parigi, ferendo leggermente una persona.

L’incidente al FMI potrebbe essere rivendicato dal gruppo anarchico greco, Conspiracy Cells of Fire, come è già accaduto per una pacchetto bomba inviato al ministero delle finanze tedesco il giorno prima.

L’ufficio del procuratore di Parigi ha dichiarato che gli investigatori hanno trovato “residui di francobolli greci” sul pacco bomba presso l’ufficio del Fondo monetario internazionale della capitale. Il presidente francese, Francois Hollande, ha chiamato l’esplosione avvenuta giovedì a Parigi “un attacco” e ha fatto notare “la somiglianza con un altro evento della stessa natura accaduto poco prima a Berlino. Stiamo cercando di stabilire le cause di quanto è successo. Questa è un’indagine internazionale“.

Le autorità di Atene hanno confermato la collaborazione greca nelle indagini. “Siamo stati appena informati dalle autorità francesi che il pacco è stato inviato dalla Grecia“, ha comunicato Nikos Toskas,  vice ministro del paese per l’ordine pubblico. Toskas ha aggiunto che chi ha mandato il pacco bomba a Parigi ha usato il nome di un anziano deputato conservatore greco dell’opposizione, Vassilis Kikilias, e che “l’indirizzo utilizzato è di un ufficio non più in uso”.  Il pacchetto inviato mercoledì 15 marzo al ministero delle finanze tedesco aveva un’altro falso mittente, ovvero un deputato anziano dello stesso partito, Adonis Georgiadis.

La Francia rimane in Stato di emergenza a causa degli attacchi da parte di estremisti islamici che nel corso degli ultimi due anni hanno ucciso 235 persone.

Dopo l’esplosione avvenuta in tarda mattinata a Parigi, i dipendenti della sede del FMI sono stati evacuati mentre gli ufficiali militari e la polizia hanno perquisito la zona. Non è chiaro chi sia il mandate di questi incidenti ha spiegato Michel Cadot, capo della polizia di Parigi. Inoltre, ha affermato che l’ufficio del FMI aveva ricevuto telefonate minatorie nei giorni scorsi ma che non sono necessariamente legate all’esplosione.

La direttrice del FMI, Christine Lagarde, si è così espressa: “Condanno questo vile atto di violenza. Il FMI continuerà il suo lavoro in linea con il mandato“.

La segretaria che ha aperto la lettera è stata ferita in viso da una scheggia e a causa del “rumore piuttosto violento” ha problemi a un timpano, ha dichiarato il capo della polizia.

Le autorità francesi hanno inviato alla polizia greca le fotografie del luogo dell’esplosione, che sono attualmente oggetto di esame da parte della squadra anti-terrorismo della Grecia. Un funzionario ha parlato con Associated Press (AP), in condizione di anonimato, in quanto non era autorizzato a informare i giornalisti sugli ultimi viluppi, dichiarando che entrambi i pacchi bomba sembrano provenire dallo stesso gruppo. “È molto probabile che siano stati inviati dalla stessa organizzazione, anche se non possiamo esserne del tutto sicuri“, ha spiegato ad AP.

Il gruppo greco che ha rivendicato l’attentato tedesco, Conspiracy Cells of Fire, ha affermato in una pubblicazione on-line su un sito greco di sinistra che l’attacco era parte di una campagna organizzata da gruppi anarchici internazionali.

La direttrice del FMI, Christine Lagarde. Fonte: Wikimedia Commons

La direttrice del FMI, Christine Lagarde. Fonte: Wikimedia Commons

di Redazione

Articoli correlati

Europa Russia

Consiglio UE: Bulgaria contro sanzioni anti-russe

La Bulgaria, che presiederà il Consiglio dell’Unione Europea nella prima metà del 2018, ha intenzione di chiedere l’annullamento delle sanzioni imposte nei confronti della Russia

Europa

Attentato alla metro di Londra: arrestato il sesto sospettato

Ammontano a 6 gli individui trattenuti dalla polizia sospettati di essere legati all’esplosione nella metro di Londra del 15 settembre

Europa Immigrazione

Alfano all’Onu: Italia sempre più impegnata in Libia

Il ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Angelino Alfano, in occasione della 72esima riunione dell’Assemblea Generale dell’Onu a New York, ha incontrato due funzionari libici

Europa

Catalogna: blitz della Guardia Civil. Esplode la protesta

Si fa sempre più alta la tensione in Spagna, dove si avvicina l’atteso giorno del referendum sull’indipendenza della Catalogna, previsto il prossimo 1 ottobre

Immigrazione Niger

Niger: i cacciatori di migranti dell’Europa

Il Niger è sempre stato un Paese di transito per i flussi migratori provenienti dall’Africa occidentale e diretti verso la Libia e l’Algeria. In particolare, l’instabilità politica, sociale ed economica che caratterizza il Paese africano da quasi sessant’anni ha contribuito favorire le attività dei trafficanti di esseri umani

Europa

Referendum catalano: Madrid si prepara

La prevenzione del referendum sull’indipendenza catalana non è l’unica preoccupazione del governo di Madrid, che deve prepararsi ad affrontare diversi scenari possibili: dalle elezioni anticipate al ritiro delle competenze autonomiche alla Catalogna. I …


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.