Un pacchetto contenente materiale esplosivo è stato trovato al ministero delle finanze tedesco

Pubblicato il 16 marzo 2017 alle 10:33 in Europa

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La polizia tedesca ha affermo che un pacchetto contenente esplosivo è stato consegnato al ministero delle finanze tedesco ma che è stato immediatamente sequestrato e distrutto.

Mercoledì 15 marzo un addetto alla consegna postale del ministero delle finanze tedesco ha trovato un pacchetto contenente esplosivo.

Gli esperti di ordigni esplosivi della polizia federale tedesca (BKA) sono stati immediatamente chiamati per controllare il suo contenuto. È stato poi portato in un luogo di detonazione a Grunewald, che si trova appena a sud-ovest di Berlino, dove è stato distrutto in un’esplosione controllata.

Il BKA ha confermato che era stato riempito con una miscela di esplosivi a basso grado, simili a quelli trovati nei petardi. Inoltre, ha spiegato in un comunicato che la miscela utilizzata per la sua progettazione viene spesso usata nella produzione pirotecnica e che avrebbe potuto causare lesioni gravi se fosse stato aperto.

I funzionari hanno rifiutato di confermare che il pacchetto era stato indirizzato al ministro delle finanze tedesco, Wolfgang Schäuble.

Una fonte della polizia ha dichiarato che il pacco è stato inviato dalla Grecia. Il ministro degli interni greco ha affermato che autorità di Atene e di Berlino stanno collaborando per determinare in che modo il pacchetto contenente materiale esplosivo sia ricucito a lasciare il paese ellenico.

Il ministro delle finanze Schäuble è stato criticato per le azioni intraprese durante la crisi greca del 2015, nel periodo della cosiddetta “Grexit“. Le critiche verso le sue raccomandazioni di austerità hanno suscitato la reazione di alcuni utenti Twitter che hanno creato l’hashtag #ThisIsACoup.

Logo del ministero delle finanze tedesco. Fonte: Wikimedia Commons

Logo del ministero delle finanze tedesco. Fonte: Wikimedia Commons

 

 

 

di Redazione

Articoli correlati

Europa Russia

Consiglio UE: Bulgaria contro sanzioni anti-russe

La Bulgaria, che presiederà il Consiglio dell’Unione Europea nella prima metà del 2018, ha intenzione di chiedere l’annullamento delle sanzioni imposte nei confronti della Russia

Europa

Attentato alla metro di Londra: arrestato il sesto sospettato

Ammontano a 6 gli individui trattenuti dalla polizia sospettati di essere legati all’esplosione nella metro di Londra del 15 settembre

Europa Immigrazione

Alfano all’Onu: Italia sempre più impegnata in Libia

Il ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Angelino Alfano, in occasione della 72esima riunione dell’Assemblea Generale dell’Onu a New York, ha incontrato due funzionari libici

Europa

Catalogna: blitz della Guardia Civil. Esplode la protesta

Si fa sempre più alta la tensione in Spagna, dove si avvicina l’atteso giorno del referendum sull’indipendenza della Catalogna, previsto il prossimo 1 ottobre

Immigrazione Niger

Niger: i cacciatori di migranti dell’Europa

Il Niger è sempre stato un Paese di transito per i flussi migratori provenienti dall’Africa occidentale e diretti verso la Libia e l’Algeria. In particolare, l’instabilità politica, sociale ed economica che caratterizza il Paese africano da quasi sessant’anni ha contribuito favorire le attività dei trafficanti di esseri umani

Europa

Referendum catalano: Madrid si prepara

La prevenzione del referendum sull’indipendenza catalana non è l’unica preoccupazione del governo di Madrid, che deve prepararsi ad affrontare diversi scenari possibili: dalle elezioni anticipate al ritiro delle competenze autonomiche alla Catalogna. I …


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.