Barbados riceve 5 milioni di dollari dalla Cina per rafforzare l’istruzione

Pubblicato il 16 marzo 2017 alle 17:14 in America Latina America centrale e Caraibi

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Il governo cinese ha donato 10 milioni di dollari di Barbados (5 milioni di dollari statunitensi) in materiale didattico che sarà destinato alle scuole e agli istituti dell’isola.

La donazione è stata formalmente accettata lo scorso mercoledì 8 marzo dal Ministro dell’Istruzione, della Tecnologia e dell’Innovazione, Ronald Jones, nel corso di una cerimonia presenziata dall’ambasciatore della Repubblica Popolare Cinese a Barbados, Wang Ke.

Nel corso della cerimonia, Jones si è unito al Primo Ministro Freundel Stuart e ai funzionari del Ministero dell’Istruzione nell’esprimere “profonda gratitudine per la donazione”.

Bandiera di Barbados. Fonte: Wikipedia

Bandiera di Barbados. Fonte: Wikipedia

Nel segnalare che l’invio di tali materiali didattici è soltanto una delle manifestazioni dei solidi rapporti tra i due paesi, il Ministro Jones ha ricordato che Barbados ha sempre mantenuto relazioni cordiali e di lunga durata con la Cina, il suo governo ed il suo popolo.

Sottolineando che la donazione ammonta a circa 30 milioni di yuan, ha inoltre aggiunto che il suo ministero ha già provveduto ad avviare una campagna di distribuzione di tali materiali, che includono 3000 computer, 2000 portatili e 9000 tablet.

Il Ministro dell’Istruzione ha spiegato che i 14000 articoli tecnologici saranno distribuiti omogeneamente a tutti gli istituti pubblici dell’isola e a quelli privati conformi agli standard previsti dalla Legge sull’Istruzione.

Beneficeranno della donazione anche gli istituti di istruzione superiore, come ad esempio il Technical Vocational and Educational Training Council, il Barbados Community College, il Samuel Jackman Prescod Polytechnic, il Media Resource Department ed il Barbados Accreditation Council.

Le relazioni diplomatiche tra Barbados e la Cina risalgono al 30 maggio 1977. Nel 2005, la Cina ha esportato beni per un totale di 19,19 milioni di dollari americani, importando da Barbados merce per un valore di soltanto 211.000 dollari.

Nell’ottobre del 2006, il governo di Barbados è stato sanzionato dall’ex Presidente degli Stati Uniti George W. Bush per non aver firmato un accordo con l’esercito statunitense per esonerare i militari americani dall’essere giudicati dalla Corte Penale Internazionale. A seguito delle sanzioni imposte a Barbados e ad altre nazioni caraibiche da parte degli Stati Uniti, il governo cinese ha fornito a Barbados assistenza finanziaria per sopperire alle sanzioni.

Nel 2009, inoltre, gli eserciti di entrambi i paesi hanno siglato un accordo per rafforzare la cooperazione militare.

Consultazione delle fonti in spagnolo a cura di Italo Cosentino

di Redazione

Articoli correlati

America Latina Messico

Il terremoto riavvicina USA e Messico

Il terremoto che ha colpito il Messico ha dato il via alla solidarietà internazionale e riavvicinato Washington al vicino meridionale

America Latina Perù

Crisi politica in Perù: Mercedes Araoz nuova premier

Lo scontro tra il governo del presidente Kuczynski e la maggioranza parlamentare vicina all’ex dittatore Alberto Fujimori sul tema dello studio della teoria gender nelle scuole ha portato alla sfiducia del premier Zavala e alla nomina di un nuovo governo più affine al fujimorism

America Latina America centrale e Caraibi

Puerto Rico: preoccupazione per l’uragano Maria

Dopo l’uragano Irma, la nuova tempesta tropicale che ha colpito le Antille minori e si appresta a colpire Puerto Rico si chiama Maria. Il premier di Dominica salvato in elicottero

America Latina Brasile

Brasile: il ministro dell’agricoltura sotto accusa

Un altro ministro del governo Temer sotto inchiesta: si tratta del titolare dell’agricoltura Blairo Maggi, per reati commessi durante i suoi mandati di governatore del Mato Grosso

Cuba USA e Canada

CUBA: AMBASCIATA USA VERSO LA CHIUSURA?

Il segretario di stato Tillerson ammette che sta valutando la chiusura della sede diplomatica riaperta da appena due anni a causa degli attacchi acustici che hanno causato la sordità di alcuni diplomatici nordamericani

America Latina Venezuela

VENEZUELA: L’AMERICA LATINA DEVE AGIRE

Le potenze regionali devono intervenire diplomaticamente in Venezuela prima che lo facciano attori esterni, scongiurando così quanto accaduto a Cuba nel 1959


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.