Bangladesh, uccisi 4 militanti del JMB filo-Isis

Pubblicato il 16 marzo 2017 alle 10:13 in Asia Bangladesh

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

Quattro sospetti militanti componenti di un gruppo fedele all’Isis sono stati uccisi durante uno scontro con la polizia del Bangladesh in un raid nel loro rifugio nel sud-est del paese.

I quattro, tre uomini e una donna, erano membri di una fazione del gruppo Jamaat-ul-Mujahideen Bangladesh (JMB) responsabile dell’attentato alla caffetteria nel quartiere diplomatico della capitale bengalese, Dhaka, avvenuto il 22 luglio 2016. L’attentato ha causato 22 vittime, per la maggior parte straniere.

Durante lo scontro armato, due poliziotti sono stati feriti dalle granate che i militanti hanno lanciato contro di loro dal rifugio a 200 km sud-est di Dhaka, nella località di Chittagong, secondo quanto dichiarato dall’ufficiale della polizia Mohammad Moniruzzaman.

Non è ancora chiaro se a causare la morte dei quattro militanti siano stati i colpi di arma da fuoco della polizia o se abbiano detonato le giacche imbottite di esplosivo in un gesto suicida. “L’operazione è conclusa, ora è l’intelligence a occuparsi del caso e gli artificieri sono a lavoro per mettere in sicurezza la zona”, ha dichiarato Moniruzzaman.

Il raid nell’edificio utilizzato come rifugio dai militanti è iniziato nella notte di mercoledì 15 marzo. 20 persone sono state evacuate dall’edificio prima dell’assalto finale avvenuto nella mattina di giovedì 16 marzo.

Il Bangladesh ha affrontato un’ondata crescente di atti di violenza e omicidi di ispirazione islamista negli ultimi quattro anni. Dal luglio 2016, le forze dell’ordine hanno arrestato o ucciso più di 50 uomini con l’accusa di esser stati coinvolti nell’attentato alla caffetteria o di essere militanti fedeli all’Isis.

Dal 2013, sono state 48 le vittime di attacchi di militanti islamisti in Bangladesh. Sei delle vittime erano critici della militanza online e pubblicavano online le loro idee, gli altri sono comunque personaggi di mentalità liberale o esponenti delle minoranze religiose.

Il Gruppo Jamaat-ul-Mujahideen Bangladesh (JMB) è un’organizzazione fondamentalista islamica costituitasi nel 1998 e bandita ufficialmente dal governo del Bangladesh dal 2005, in seguito ad attacchi perpetrati contro alcune ONG. Nell’agosto 2005, il gruppo ha subito un colpo duro da parte delle forze governative bengalesi, ma è riuscito a riorganizzarsi. Il JMB ha dichiarato alleanza allo Stato Islamico. La polizia ritiene che quest’ultimo sia stato coinvolto nell’organizzazione dell’attacco alla caffetteria dello scorso luglio. Si è trattato del peggior attacco mai condotto dai militanti in Bangladesh, rivendicato dallo Stato Islamico. Da allora, la polizia bengalese ha ucciso più di 40 sospetti militanti, compreso Tamim Ahmed Chowdhury, cittadino canadese nato in Bangladesh, la mente dell’attentato, secondo la polizia.

Simbolo del gruppo JMB, fedele all'Isis. Fonte: News magazine

Simbolo del gruppo JMB, fedele all’Isis. Fonte: News magazine

di Redazione

Articoli correlati

Asia Myanmar

Bangladesh: arriva l’esercito per aiutare i Rohingya

I profughi Rohingya devono affrontare le piogge monsoniche, il Bangladesh invia l’esercito per aiutare a gestire la crisi

Asia Corea del Nord

Segretario Generale Onu: Soluzione Pacifica per la Corea del Nord

Il Segretario Guterres ha dichiarato che il mondo teme la guerra nucleare in Corea del Nord e chiesto una risoluzione politica alle tensioni crescenti. Donald Trump ha ribadito la posizione Usa e minacciato di distruggere Pyongyang

Asia Corea del Nord

Corea del Nord: Cina e Russia chiedono risoluzione pacifica

I ministri degli esteri di Cina e Russia si sono incontrati a New York e hanno richiesto una risoluzione pacifica della questione nordcoreana

Asia Myanmar

Malesia: Myanmar è la nuova meta per il jihad

L’Isis si aggiunge ad Al Qaeda nella chiamata alle armi per i musulmani perché difendano l’etnia minoritaria Rohingya di fede islamica perseguitata in Myanmar

Afghanistan Asia

Le autorità afghane vorrebbero addestrare e armare 20,000 civili

Le autorità afghane stanno valutando la possibilità di addestrare e armare 20,000 civili per aumentare le operazioni contro i talebani e l’ISIS

Asia Myanmar

Myanmar: Aung San Suu-kyi chiede aiuto per i Rohingya

La leader del Myanmar ha parlato per la prima volta della crisi umanitaria dei Rohingya e chiesto l’aiuto della comunità internazionale


Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.