Malesia, breve tregua al divieto di uscita ai nordcoreani

Pubblicato il 14 marzo 2017 alle 15:29 in Asia Malesia Uncategorized

FacebookTwitterLinkedInEmailCopy Link

La Malesia espellerà 50 cittadini nordcoreani per essere rimasti nel paese con il visto per lavoro scaduto, ha dichiarato il Vice Premier della Malesia martedì 14 marzo. Una tale decisione rappresenta un’eccezione al divieto di uscita dal paese esteso a tutti i cittadini della Corea del Nord dopo l’assassinio di Kim Jong-Nam, fratellastro del leader maximo di Pyongyang.

L’omicidio del fratellastro di Kim Jong-un, avvenuto lo scorso febbraio all’aeroporto internazionale di Kuala Lumpur con l’uso di gas nervino, ha innescato una serie di tensioni diplomatiche tra Malesia e Corea del Nord. Pyongyang prima e Kuala Lumpur poi hanno vietato ai cittadini dell’altro paese di uscire dai confini nazionali e sono entrati in una fase di stallo dei rapporti bilaterali.

La dichiarazione del vice premier Ahmad Zahid Hamidi di voler fuori dal paese 50 nordcoreani che lavoravano nelle miniere di carbone dello stato di Sarawak, nell’isola di Borneo, per visto scaduto, sembra rappresentare un mutamento nella situazione di gelo tra i due paesi. Il Vice Premier non ha aggiunto le motivazioni per cui è stato deciso di espellere gli operai nonostante il divieto vigente.

La crisi diplomatica però continua, la Corea del Nord ritiene che le indagini della Malesia sulla morte di Kim Jong-Nam siano un tentativo di carpire dei segreti interni al regime e accusa i malesi di aver commesso l’omicidio. Kuala Lumpur ritiene invece che l’omicidio sia stato orchestrato dalla stessa Corea del Nord.

Attualmente vi sono ancora i funzionari d’ambasciata e le loro famiglie bloccati a Pyongyang. Il regime nordcoreano non ha ancora confermato l’identità di Kim Jong-Nam e ha chiesto più volte la restituzione del corpo alle autorità della Malesia che hanno rifiutato di riconsegnarlo prima di aver ricevuto un campione di dna del parente più prossimo della vittima.

Due donne, una vietnaminta e una indonesiana, sono in arresto con l’accusa di omidicio ai danni di Kim Jong-Nam e sembra lo abbiano soffocato con un pezzo di tessuto, usando gas nervino. Pyongyang invece insiste che la morte sia avvenuta per un attacco di cuore.

Bandiera della Malesia. Fonte: Wikipedia Commons

Bandiera della Malesia. Fonte: Wikipedia Commons

di Redazione

Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.